Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Politica mercoledì 14 aprile 2021 ore 14:36

Jsw, "spietato limitarsi alle sole passerelle"

Riccardo Gelichi

Gelichi (Ascolta Piombino): "La politica non lasci soli i sindacati della siderurgia. Del processo di diversificazione non c'è traccia"



PIOMBINO — Da Riccardo Gelichi di Ascolta Piombino un nuovo invito a non abbassare la guardia rispetto alla Vertenza Jsw e non abbandonare sindacati e lavoratori che da anni attendono di conoscere il destino dello stabilimento piombinese.

Ricordiamo che da settimane è attivo il presidio permanente promosso da Fim, Fiom e Uilm e le Rsu Jsw, Piombino Logistics e Gsi per tenere accesi i riflettori sulla vertenza.

"Sono circa dieci anni che si protrae la crisi della siderurgia piombinese, ormai un ricordo quella grande mobilitazione di migliaia di persone in Corso Italia e lo slogan Piombino non deve Chiudere, in quel periodo la fabbrica era ancora la mamma di una comunità intera e stare al suo fianco era molto proficuo in termini di consenso. - ha ricordato Gelichi - Parlare di diversificazione all’epoca era audace e impopolare, quasi fastidioso, eppure noi insieme al turismo, non abbiamo mai rinnegato la necessità di una nuova fabbrica moderna e sostenibile. Pensavamo però che alla siderurgia si dovesse accompagnare un percorso di graduale mutamento degli asset economici, un cambiamento fisiologico urbanistico e culturale dove il tempo avrebbe aiutato a bilanciare il gap della crisi industriale". 

"Paradossalmente oggi la fabbrica sta morendo e del processo di diversificazione non vi è traccia; inoltre sta cambiando anche l’atteggiamento di una comunità, oggi più propensa al cambiamento, questo fa sì che la politica sia più tiepida, rischiamo che tutti gli interventi assumano più una caratteristica di facciata: foto, comunicato e siamo a posto. - ha proseguito - Tutti attendono i piani del ministro Giorgetti ma non si capisce quali indicazioni gli siano pervenute dal nostro territorio, insomma è stato redatto un Piano Strutturale, si parla di un Patto per Piombino, si affidano le aree per la logistica portuale e non abbiamo ancora un’idea di territorio post industria pesante? Quasi tutte le forze politiche presenziano, scrivono ma nessuno traccia un filo logico che possa portare a districare questa ingarbugliata matassa, attendendo il prendere o lasciare. - ha aggiunto - Se perdiamo il principale Pil del territorio, la fabbrica, non possiamo pretendere di mantenere i servizi assistenziali e mutualistici basilari come quelli ospedalieri, la battaglia oggi è il lavoro, subito dopo i servizi alla persona, se domani Piombino resterà un paesone di anziani, sarà difficile inquadrare il tema dei servizi alla maternità. La visione delle priorità di un territorio, la capacità di stare ai tavoli istituzionali col pieno diritto, sono le basi di un’amministrazione virtuosa e lungimirante". 

E infine l'appello: "Oggi sarebbe veramente spietato limitarsi alle passerelle e restare avulsi, per scelta, dai centri decisionali soltanto perché il tema scotta. La politica, le istituzioni locali, non devono lasciare soli i sindacati in questa battaglia finale, per due motivi: per non subire un piano fatto da altri e per essere protagonisti del nostro destino". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ai casi già noti dalla settimana scorsa, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri appartenenti allo stesso focolaio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Lavoro

Attualità