QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°15° 
Domani 14°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 06 dicembre 2019

Politica mercoledì 28 novembre 2018 ore 19:00

"Nessuna illegittimità da parte del Comune”

Discarica Rimateria

Lo ha detto l'amministrazione comunale piombinese nell’ambito della quota per la fideiussione di Rimateria. Le spiegazioni del sindaco Giuliani



PIOMBINO — A ribadire la legittimità della fideiussione della società Rimateria è una nota del Comune di Piombino, in cui viene spiegata la situazione con i vari passaggi.

"La società Rimateria aveva la necessità di procedere con il rinnovo della polizza fideiussoria a favore della Regione Toscana - si legge nella nota del Comune di Piombino -  a corredo dell’autorizzazione integrata ambientale sulla discarica in corso di chiusura. Il Comune è intervenuto con il finanziamento di 350mila euro, come quota parte dell’importo della fideiussione, facendo in tal modo fronte a una momentanea mancanza di cassa della società, il tutto come descritto nella deliberazione del Consiglio comunale del 16 luglio 2018".

"La società Rimateria - spiegano da Comune di Piombino - ha effettivamente provveduto al pagamento della polizza suddetta alcuni giorni prima della deliberazione di cui sopra, tenendo conto della scadenza dei termini per la presentazione della garanzia finanziaria e forte tuttavia della decisione già assunta in tal senso il 3 Luglio 2018 dalla II commissione consiliare".

Il comportamento tenuto dall’ente per la definizione delle partite economiche necessarie ad assicurare il mantenimento dell’autorizzazione AIA dell’impianto di Ischia di Crociano, con la costituzione di un credito nei confronti della società Rimateria (che sarà restituito al Comune), la quale ha anticipato di qualche giorno il pagamento per rispettare le scadenze, rinviando pertanto altri pagamenti, non presenta nessuna criticità né tantomeno motivi di illegittimità – afferma il sindaco Giuliani - Al contrario ho appreso invece dalla stampa locale che qualcuno ha ritenuto di dover definire quella deliberazione come 'bugiarda'… il termine di bugiardo nella lingua italiana è sinonimo di 'falso'… ma di questo chi lo ha detto e scritto ne risponderà nelle sedi opportune.

Ciò premesso, si rammenta invece come la vicenda insorta tra la società Finworld e la Banca d’Italia in merito all’abilitazione della società finanziaria all’esercizio dell’attività di intermediazione sia sostanzialmente complessa – spiega il sindaco – Infatti, al momento dell’assunzione della deliberazione del Consiglio Comunale per la concessione dell’anticipo di cassa da parte del Comune, la società Finworld risultava iscritta e abilitata a proseguire la propria attività ordinaria nel settore degli intermediari finanziari".

"A seguito di un contenzioso, - prosegue il sindaco -   il Consiglio di Stato ha emesso un nuovo provvedimento e alla società Finworld è stato vietato di operare come operatore finanziario".

"Gli effetti di questo provvedimento, - prosegue la nota - che ha mantenuto in esercizio la predetta società finanziaria, sono venuti meno il 20 luglio 2018, una decisione che non era nota né alla commissione consiliare né al Consiglio Comunale al momento della decisione del finanziamento. La Regione Toscana non ha accettato la garanzia della Finworld dopo essere venuta a conoscenza della revoca del provvedimento del Consiglio di Stato e comunque dopo avere assunto un parere legale dell’Avvocatura regionale".

"In conseguenza di questo, Rimateria si è dovuta attivare per sostituire la fidejussione, indispensabile per mantenere l’autorizzazione integrata ambientale relativa alla discarica di Ischia di Crociano. Risulta peraltro come sia ancora pendente al Consiglio di Stato il giudizio tra la società Finworld e la Banca d’Italia (la prossima udienza risulta fissata a marzo 2019). In ogni caso, da parte di Rimateria - si conclude la nota - saranno attivate tutte le azioni necessarie per procedere al recupero delle somme versate a Finworld".



Tag

Otto e mezzo, Santori contro Sallusti: "Ha gli occhi foderati di prosciutto"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca