QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°22° 
Domani 20°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 20 ottobre 2019

Agenda Elettorale sabato 03 febbraio 2018 ore 10:40

Lega, Vizzotto rincara la dose sul tema sicurezza

Elena Vizzotto

La candidata leghista chiede che venga presa coscienza, una volta per tutte, del problema con misure specifiche per dare risposte concrete



PIOMBINO — Più sicurezza a Piombino, è questo il fine comune sottolineato da Elena Vizzotto, candidata per la Lega alla Camera dei Deputati.

“La Lega da mesi è intervenuta in modo critico sull’eliminazione a Campiglia Marittima della postazione Polfer, sull’uso e l’incremento delle telecamere, sul potenziamento delle nostre Forze dell’ordine sul territorio, ma ad oggi tutto ciò è rimasto senza alcuna risposta concreta", ha sottolineato Vizzotto.

"Facciamo presente che garantire la sicurezza è solo indice di buon senso e questo vale per ogni cittadino a prescindere dall’appartenenza politica, per cui invitiamo tutti ad evitare di classificarci come razzisti, incitatori d’odio e populisti, perché chiediamo semplicemente che nel nostro territorio non accada mai più ciò che da tempo siamo nostro malgrado costretti a subire: centinaia di furti in auto e in appartamento con relativi danneggiamenti, spaccio, violenza gratuita, per non dimenticare i due omicidi. - si legge in una nota - L’assenza del rispetto delle regole comporta un malessere generalizzato che immancabilmente sfocia nella giustizia fai da te sentita come ultima ratio, e dopo l’ultimo gravissimo episodio accaduto questo malessere è ancora più concreto. Dovremmo quindi evitare tutto ciò e per questo motivo lo Stato dovrebbe essere presente oggi più che mai, invece è latitante e lascia i cittadini in balia di se stessi".

“Interessante - ha aggiunto la candidata della Lega - sarebbe invece capire come mai questi due extracomunitari che hanno commesso i reati siano stati immediatamente rimessi in libertà, ma questa è una domanda che giriamo volentieri al ministro Andrea Orlando, il quale siamo certi darà a breve termine una risposta logica e coincisa, non solo a noi della Lega, ma anche a tutti i cittadini di Piombino.Una risposta noi l’avremmo, ed è purtroppo racchiusa nella volontà di depenalizzare i reati da parte del precedente Governo".

E proprio sul tema sicurezza la Lega non molla e ricorda la raccolta di oltre 700 firme con la quale si chiedeva di prendere coscienza del problema una volta per tutte.



Conte: «Io contro il popolo delle partite Iva? Una fesseria»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità