comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 25°30° 
Domani 24°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 11 agosto 2020
corriere tv
Foggia, assalto al portavalori: le riprese dall'elicottero

Politica sabato 11 gennaio 2020 ore 15:37

"Energia pulita, sì ma non sui terreni agricoli"

La lista Ferrari: "E' l'ora di cambiare marcia anche con queste decisioni calate sul territorio dall'alto, dalla Regione in questo caso"



PIOMBINO — "E' del tutto evidente che occorra aumentare l'utilizzo di energie rinnovabili ma, come al solito, la decisione di collocare gli impianti sul territorio del Comune di Piombino appare come una imposizione calata dall'alto, frutto di un percorso non condiviso ed in netto contrasto con le indicazioni di diversificazione economica di qualità che ormai sono diventati parte integrante della cultura e del futuro del territorio". Così hanno esordito dalla lista Ferrari commentando il progetto al vaglio della Regione Toscana per l'istallazione di un parco fotovoltaico di 30.528 pannelli su circa 16 ettari di terreni nella zona Bocche di Cornia.

"Non si può che concordare con le parole del sindaco Ferrari che è favorevole all'utilizzo di energie rinnovabili ma senza occupazione, vorremmo dire spreco, di nuovo suolo a verde, soprattutto se con destinazione agricola (leggi qui l'articolo correlato). Non solo l'agricoltura deve essere vista come un tassello importante per il rilancio dell'economia della Val di Cornia con i suoi prodotti tipici ed il clima favorevole, ma un ulteriore contributo dovrebbe andare, anche e forse prioritariamente, verso la bonifica dei terreni industriali o appartenuti al ciclo produttivo, fino alle recenti discariche dismesse o in dismissione. Dunque - proseguono - una programmazione di virtuosa politica urbanistica sarebbe stata quella di individuare zone degradate o da bonificare, creare lavoro per bonificarle e utilizzarle per produrre energia rinnovabile: un ciclo virtuoso che avrebbe prodotto lavoro, riqualificazione ambientale ed energia pulita. La scelta di individuare Piombino quale luogo per collocare qualsiasi cosa occupi spazio e non produca lavoro e riqualificazione ambientale appare dunque, ancora una volta, miope e scellerata".

"La Lista Ferrari evidentemente si oppone a questo tipo di programmazione che non guarda al futuro della città e sembra solo consolidare l'idea, il destino deciso ideologicamente, di una Piombino che debba morire del suo triste destino post industriale mentre nei comuni limitrofi si guarda alla qualità, al turismo, all'ambiente alle eccellenze di un territorio che è anche il nostro. - hanno aggiunto - E' l'ora di cambiare marcia anche con queste decisioni calate sul territorio dall'alto, dalla Regione in questo caso, ed è prossimo l'appuntamento elettorale per dimostrare che le cose devono continuare a cambiare. Si alle fonti rinnovabili, quindi, che devono essere compatibili e funzionali alla rinascita del nostro ambiente e del futuro della nostra città".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Elezioni 2020

Attualità