QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 8° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 20 gennaio 2020

Lavoro martedì 17 settembre 2019 ore 18:34

“Trovare un accordo per non paralizzare il porto”

Il sindaco Ferrari e l’assessora Nigro prendono posizione riguardo la vicenda di Piombino Logistics segnalata nei giorni scorsi dai sindacati



PIOMBINO — Il sindaco Francesco Ferrari ha preso posizione sulla vicenda di Piombino Logistics i cui lavoratori chiedono un intervento delle istituzioni per sbloccare l’impasse in cui si trova il porto (leggi qui l’articolo correlato)

“Per rilanciare l’attività delle industrie di Piombino  è necessario impegnarsi nell’ottica della collaborazione tra istituzioni, aziende e lavoratori. – hanno dichiarato il sindaco Ferrari con delega alle Infrastrutture e Sabrina Nigro assessora al Lavoro – Ciò significa anche venire a patti tra le varie esigenze, trovare accordi, talvolta scendere a compromessi, pur sempre nel rispetto delle normative vigenti. Il porto è strategico per questo rilancio e non possiamo permettere che una decisione troppo rigida metta a rischio potenziali investimenti o complichi la gestione delle commesse per le aziende”.

Gli interventi di manutenzione da parte di Jindal sono attesi da tempo: - hanno aggiunto - il ripristino delle banchine e delle attrezzature è necessario e urgente, non è una novità. Preso atto di questo ritardo, però, non è pensabile paralizzare tutta l’infrastruttura e ciò che da essa dipende. Piombino Logistics ha chiesto all’Autorità portuale il permesso per utilizzare temporaneamente le banchine pubbliche: credo che sia una richiesta comprensibile, a patto che il carattere transitorio sussista e che vengano utilizzate il tempo necessario a ripristinare le normali condizioni di sicurezza e funzionalità delle banchine dell’azienda. Inoltre, vista la normativa che regola la materia, è indispensabile che sia avviato un percorso condiviso con tutti i soggetti a vario titolo interessati per arrivare, nel rispetto delle vigenti regole, a un equilibrio che permetta a tutti di svolgere il proprio lavoro e non creare disagi alle aziende che, attraverso il porto, ricevono le materie prime di cui hanno bisogno. - e hanno concluso - Gli investimenti su Piombino dipendono anche dalla capacità della città stessa di accoglierli”.



Tag

Conferenza Berlino, Conte cerca posto in prima fila ma non lo trova

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Attualità