QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17°22° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 21 giugno 2019

Lavoro lunedì 10 dicembre 2018 ore 20:35

“Linea di decapaggio unico investimento del 2019”

Piano insufficiente per i rappresentanti sindacali Magona dopo l’incontro con l’ad di Liberty House. “Necessari investimenti in successione”



PIOMBINO — I rappresentanti sindacali Rsu Fim, Fiom e Uilm hanno incontrato l’Amministratore Delegato di Liberty Steel. Quello di lunedì è stato il secondo incontro in ordine temporale, già programmato per la presentazione delle linee guida del piano industriale, sulla procedura di consultazione delle organizzazioni sindacali prevista dalla commissione europea.

“L’Amministratore delegato ha confermato che nella fase successiva al closing sarà riattivata la linea di decapaggio. - si apprende in una nota a firma Rsu Magona - In questa fase, sarà probabilmente l’unico investimento nel corso del 2019, ma durante i 100 giorni che seguiranno la vendita, in maniera codificata le organizzazioni sindacali e l’azienda si confronteranno per la stesura del piano industriale dei prossimi cinque anni”.

I rappresentanti sindacali hanno da un lato registrato positivamente la ripartenza della linea decapaggio, ma hanno anche evidenziato come dovrà essere specificato e determinato quali sono i prodotti, i mercati, la struttura commerciale, i costi e la qualità dell’approvvigionamento. 

“Rispetto a questo il Ceo di Liberty ha dichiarato che in una prima fase l’approvvigionamento sarà da Fos mentre in una seconda fase si pensa di utilizzare lo stabilimento di Galati, per la maggior convenienza economica, non appena risolti i suoi attuali problemi di qualità. Inoltre - hanno aggiunto - sarà possibile un ulteriore e parallelo approvvigionamento, acquistando Coils sul libero mercato. Per Piombino è stata confermata la sua autonomia industriale strategica ed un supporto economico agli investimenti nella transizione per raggiungere questi obiettivi. Per Fim Fiom Uilm non è sufficiente la sola ripartenza della linea di decapaggio, perché nel nuovo assetto ci verranno a mancare le produzioni di Avellino e Cln. Pertanto saranno necessari investimenti in successione a partire dal Decapaggio, sulla zincatura 2 ed una ulteriore linea di preverniciato, prodotto che ha spazi enormi nel mercato europeo. Pertanto con tutte le cautele del caso saremo impegnati nelle prossime settimane per la definizione del piano industriale dopo l’acquisizione dello stabilimento”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Politica

Attualità