QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12°19° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 19 ottobre 2019

Lavoro mercoledì 24 ottobre 2018 ore 17:53

Magona: senza piano, cauti su Liberty House

Senza un piano industriale i sindacati non si sbilanciano dopo l'incontro con il Ceo di Liberty House Steel. Per ora niente parere motivato



PIOMBINO — I coordinatori Rsu ArcelorMittal Piombino e le segreterie di Fim, Fiom e Uim hanno incontrato la direzione dello stabilimento Magona, il team Liberty Steel guidato dal Ceo Jon Bolton e il responsabile delle risorse umane Europa di ArcelorMittal Patrick Vandenberg per fare il punto sull'acquisizione dello stabilimento piombinese.

Il Ceo si Liberty Steel, si apprende in una nota, a presentato le attività del gruppo che interessano i settore delle Commodities (materie prime), acciaio, alluminio, Igenieering, Trasporti e Riciclo materie prime. Si tratta di un gruppo che adesso, al netto delle acquisizioni, conta oltre 150 siti e 19mila dipendenti il 35 stati.

Da questo incontro, però, i coordinatori Rsu e i sindacati non hanno potuto avere grosse novità dal momento che in questa fase transitoria l'azienda deve rispettare delle regole della Commissione europea comprese quelle legate ai vincoli di riservatezza. I rappresentanti dei lavoratori, comunque, hanno sottolineato la necessità di confrontassi sul piano industriale quanto prima. Appello raccolto dal Ceo del gruppo Liberty Steel. 

Poche le anticipazioni che vedono in linea generale la necessità, per rendere lo stabilimento più efficace e redditizio, di far ripartire la linea di decapaggio, di allargare la tavola del laminatoio e valutare alte opportunità di investimento nei prossimi 5 anni. Confermata, invece, la strategia di mercato che punta su qualità e sbocchi commerciali verso Sud e Nord Europa. "L'interpretazione riportata in alcune informazioni riguardo a una strategia low cost non è un asse di interesse strategico di Gruppo Liberty House in tutto il mondo. - hanno commentato i sindacati in una nota condivisa - Dichiariamo inoltre che nel nuovo assetto non ci sono stabilimenti in concorrenza con il nostro". 

Oltre a queste affermazioni, però, le organizzazioni sindacali non hanno potuto esprimere di più, specie quel parere motivato come richiesto dalla procedura della Commissione europea e indispensabile per la legittima validazione del nome di Liberty House come acquirente effettivo dei pacchetti in vendita.

"Attendiamo quindi l'assegnazione del terzo pacchetto di vendita, quello di Liegi-Dudelange, affinché il gruppo ci convochi per la presentazione del Piano industriale di Piombino", hanno concluso.



Tag

Conte ai giornalisti: "Italia ha ruolo importante in Ue, cos'altro volete?"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità