Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PIOMBINO14°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dello scambio in aeroporto tra Brittney Griner e Viktor But

Attualità lunedì 04 luglio 2022 ore 15:57

"No alla guerra e al traffico di armi nel porto"

Lo ha ribadito l'Usb dopo le recenti operazioni di scarico. “Chieste spiegazioni all’Autorità di Sistema Portuale e alla Capitaneria”



PIOMBINO — Questa mattina una nave Ro.Ro, la Capucine battente bandiera maltese è arrivata nel porto di Piombino proveniente dallo scalo Estone di Riga. Al suo interno esplosivi, armamenti e mezzi militari. La segnalazione oltre che rimbalzare sui social network è arrivata dall'Unione sindacale di base che torna ad accendere i riflettori sul porto di Piombino.

"La banchina pubblica è stata interdetta da personale militare armato e le operazioni di scarico si sono svolte alla presenza di una squadra di vigili del fuoco. Questo traffico di armi nel porto di Piombino non è una novità, circa due mesi fa la stessa nave era presente in banchina per delle operazioni di carico. Ci segnalano anche in quell’occasione la presenza di esplosivi. - hanno spiegato - E’ possibile svolgere tali operazioni a poca distanza dalle abitazioni in un porto che, a maggior ragione in questo momento della stagione, vede la presenza di decine di navi passeggeri dirette alle isole? - hanno domandato dal sindacato - Il personale che svolge le operazioni è correttamente formato? Sono stati rispettati tutti i protocolli di sicurezza? Abbiamo posto queste domande direttamente all’Autorità di Sistema Portuale e alla Capitaneria".

Al netto di tutto ciò, l’Unione sindacale di base ribadisce la propria posizione di contrarietà alla guerra.

"Dopo il rigassificatore Piombino torna ad essere ancora una volta carne da macello. - hanno proseguito - Agnello sacrificale per i soliti interessi nazionali che non possono essere mai messi in discussione. Chiediamo all’Amministrazione Comunale di intervenire urgentemente per ottenere spiegazioni su quanto successo. Valuteremo altre iniziative sindacali e politiche per ribadire ancora una volta il nostro no secco alla guerra e al traffico di armi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
“L’ideazione è stata solo nostra. Analogia nel senso che per vaccini e rigassificatore non sia stato portato alcun rispetto per la vita delle persone“
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità