Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PIOMBINO14°16°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Renzi: «Sul mio incontro all'Autogrill con Mancini, Conte si confonde o nasconde qualcosa?»

Attualità mercoledì 12 ottobre 2016 ore 16:14

La protesta europea contro l'import dell'acciaio

Mirko Lami, foto tratta dal profilo Facebook

A Bruxelles per rilanciare il settore siderurgico in Europa, mentre si pensa ai dazi per l'acciaio cinese. Piombino deve essere in prima linea



PIOMBINO — "Fervono i preparativi della manifestazione europea dell'acciaio, in programma a Bruxelles per mercoledì 9 novembre. Sarà un grande appuntamento, attese per quel giorno oltre 10.000 persone", così Cgil Toscana ha annunciato l'appuntamento sotto l'egida "No a un'Europa senza acciaio!"

"Una iniziativa a livello europeo che bene si sposa con la nostra battaglia per far tornare la produzione di acciaio a Piombino. - hanno scritto in una nota del sindacato firmata da Mirko Lami - Il settore siderurgico in Europa sta attraversando la crisi più nera mai conosciuta, complice anche l'abbandono, nel 2002, del trattato della CECA che aveva ben funzionato nei 50 anni precedenti".

A livelo europeo oltre 80mila persone hanno perso il lavoro dallo scoppio della crisi economica del 2008. Come conseguenza delle ristrutturazioni l'occupazione totale è scesa sotto i 340mila dipendenti. "Per quanto ci riguarda molto più da vicino nel 2008 a Piombino lavoravano 2.400, ora sono 1.600", ha sottolineato invitando lavoratori e imprenditori a manifestare in prima linea.

Secondo Eurofer, l'associazione degli imprenditori siderurgici europei, le importazioni di acciaio nell’Ue nel 2016 sono cresciute nel primo quadrimestre del 24 per cento su anno, + 33 per cento prodotti lunghi, +11 per cento i piani. La Cina resta il principale esportatore, seguita da Russia, Ucraina, Corea del Sud e Turchia. Nel frattempo la Commissione Europea ha maturato la decisione di introdurre dazi provvisori all'acciaio cinese, tra il 13,2 per cento e il 22,6 per cento per i coils a caldo; verifiche sono in corso su altri paesi produttori come il Brasile, Iran, Russia, Ucraina e Serbia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Showroom di 300 metri quadrati per far toccare con mano alla clientela modelli e qualità dei prodotti made in Italy
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità