Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO13°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 24 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Il Papa sarà qui da noi a Bagdad il 5 marzo: una visita eccezionale. Porterà conforto e speranza in Iraq»

Attualità lunedì 18 gennaio 2021 ore 09:29

"Non abbandoniamo il Casone di Baratti"

Baratti

Il Comitato per Campiglia invita il Comune di Piombino ad apporre un vincolo sugli edifici e valutare la cessione dal privato al pubblico



PIOMBINO — Sul Casone di Baratti è intervenuto il Comitato per Campiglia a seguito della notizia diffusa nelle scorse settimane sul progetto di trasformazione a destinazione alberghiera.

"Vogliamo ricordare che il Piano Particolareggiato di Baratti e Populonia del 2013, prevedeva per questo edificio, importante dal punto di vista paesaggistico ed archeologico, in quanto edificato su sito dell'area portuale dell'antica Populonia, una destinazione pubblica o turistico ricettiva. - ha ricordato l'architetto Alberto Primi presidente del Comitato per Campiglia - La previsione contrastava con la posizione del Comitato Giù le mani da Baratti che tuttavia sperava che in mancanza di un operatore pubblico di fronte a proposte di intervento private, sia la Soprintendenza Archeologia che quella Paesaggistica avrebbero posto limiti ben precisi e vincolanti alle proposte dei privati, per garantire almeno la correttezza scientifica degli interventi e in modo di non sottrarre un patrimonio culturale fondamentale per il sito archeologico di Baratti. Alla notizia di stampa, seguì nei gironi successivi una interrogazione in Consiglio Comunale, dopo di che non ci sono state più notizie sui giornali locali".

Come ha sottolineato il Comitato, ad oggi è risultato che nessun progetto è stato depositato e che le previsioni urbanistiche sono rimaste quelle del 2013. Ma sul Casone le preoccupazioni non si ferma qui e il Comitato per Campiglia spiega perché.

"Abbiamo cercato di capire anche il comportamento della Soprintendenza di fronte allo sciagurato intervento sul porticciolo di Baratti. - hanno spiegato - Il progetto fu approvato dalla Commissione paesaggistica del Comune che chiaramente non avrebbe potuto negarlo in toto in quanto ammissibile secondo il Piano Particolareggiato vigente, ma che avrebbe potuto richiedere almeno una soluzione diversa e più consona al contesto. Quello che è stupefacente è che la Soprintendenza chiamata a ratificare o respingere o modificare il parere della Commissione comunale sul paesaggio, non ha neppure risposto, attivando così il silenzio-assenso come se si trattasse di una cosa scarsamente significativa. Se questa è il modo di procedere della Soprintendenza, il Comitato per Campiglia non può non essere preoccupatissimo per il futuro del Casone. - hanno commentato - Infatti, poiché su questo non esiste alcun vincolo monumentale, ma solo quello paesaggistico, potrebbe accadere che la proprietà del Casone presenti davvero un progetto con destinazione turistica-alberghiera, che la commissione paesaggistica dia alla fine un parere favorevole e che la Soprintendenza se ne lavi le mani".

Per questo, di fronte a questa eventualità, il Comitato spinge il Comune di Piombino a richiedere "l'apposizione di un vincolo sugli edifici del complesso del Casone e che in occasione della revisione del Piano Strutturale e del piano operativo ammetta la sola destinazione pubblica attivandosi presso i Ministeri e Enti pubblici italiani ed esteri perché nei tempi previsti dalla legge si possa arrivare alla cessione dal privato al pubblico, eventualmente anche usufruendo delle possibilità legate al Recovery Fund".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità