QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°21° 
Domani 20°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 22 ottobre 2019

Attualità mercoledì 13 aprile 2016 ore 20:51

"Il premio lo meritano i lavoratori"

La copertina del periodico in cui si annuncia il premio

Il gruppo Minoranza Sindacale Camping Cig non parteciperà alla premiazione del personaggio dell'anno, per loro non c'è ancora nulla da premiare



PIOMBINO — Venerdì saranno consegnati i premi ai personaggi che, secondo il periodico Costa Etrusca, si sono contraddistinti in questi anni. Il personaggio dell’anno è Issad Rebrab, ma all’auditorium Sefi a ritirare rispettivamente il premio alla Carriera e la menzione speciale ci saranno anche Piero Nardi ed Enrico Rossi. Per Minoranza Sindacale-Camping Cig andrà in scena “una commedia dell’assurdo”.

“L’assurdo è che non ci sono motivi per premiare chicchessia. - scrivono in una nota - E' reale e vero, invece, che al patron di Cevital, Issad Rebrab, è stato venduto a buon mercato, al prezzo di 5.849.493,15 euro, lo stabilimento, corredato di tutti gli incentivi. Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, in campagna elettorale, dava per scontata una serie di risultati tangibili riferendosi al "modello Piombino" e liquidava per ormai risolta la situazione della nostra città, mentre nessuna delle sue promesse ha visto la luce. Piero Nardi in veste di commissario di Governo e Pubblico Ufficiale ha fatto solo ed esclusivamente il suo dovere e per questo è stato e sarà generosamente compensato”.

“Sono passati ormai due anni dalla fermata dell’altoforno e tutto è immobile. – continuano - In due anni di incontri, cabine di regia e accordi di programma sono riusciti solo a far firmare una semplice lettera d’intenti tra Sms Group e Aferpi. Eravamo stati invitati anche noi alla cerimonia e credevamo di essere tra i premiati, dato che nel nostro gruppo un'altissima percentuale di lavoratori non viene più richiamata al lavoro oppure lavora pochissimo. Siamo tra i più sacrificati ‘sull'altare del profitto’ e quindi degni di rispetto tanto da meritare di ‘essere premiati’ per questo, ma ci sbagliavamo. Ringraziamo per l’invito - conclude il gruppo - ma non parteciperemo perché fino a che tutto il progetto non sarà realizzato nella sua totalità e tutti i dipendenti avranno un posto di lavoro non c’è proprio nessun premio da dare”.



Tag

Myrta Merlino a Matteo Salvini: «Le offro una camomilla...», «Solo se non è zuccherata, sennò la tassano»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Sport