Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO21°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanchez: «Draghi un maestro, quando parla lui in Consiglio europeo stiamo tutti zitti e ascoltiamo»

Lavoro giovedì 12 aprile 2018 ore 11:41

Usb resta della sua idea sul piano di Jindal

Massimo Lami

Un piano prendere o lasciare? Per l'Unione sindacale di base c'è solo un motivo che ha portato Jindal a Piombino e fa delle previsioni



PIOMBINO — "La paura di prendere o lasciare non potrà farci accettare un progetto industriale di lacrime e sangue", così l'Unione sindacale di Base dà eco al comunicato diffuso da Fim, Fiom e Uilm (leggi qui sotto l'articolo correlato).

"La questione è sempre la stessa, i numeri impiegati e il tipo di stabilimento che si vuole progettare. Sappiamo tutti che Jindal è venuto a Piombino solo ed esclusivamente a causa dei dazi imposti dall’Europa ai paesi asiatici. Nessuno si sbilancia, tutti dicono che il progetto Jindal é un progetto che dà una speranza ai lavoratori e per tutta la Val di Cornia. Sotto banco si dice che Jindal sarebbe intenzionata a far ripartire tutti i treni di laminazione tmp, tve,e treno rotaie. In un futuro si parla di una acciaieria che per essere pronta ci vorrebbero almeno 4 anni", ha detto l'Usb sollevando però un altro aspetto della questione.

"L’altra verità è che dovremmo parlare anche di acciaio vecchio cioè dello smantellamento degli impianti e delle aree. In questo caso dovrà intervenire il Governo come ha fatto a Taranto per poter effettuare le bonifiche del territorio".

Come viene spiegato dal sindacato, ripartire con i treni di laminazione significherebbe "subito lavoro per un numero di lavoratori in modo da dare la possibilità di far ripartire i contratti di solidarietà". Ma c'è un però: "Questa volta dobbiamo far valere la parola solidarietà e chiediamo fortemente che nei posti di lavoro non professionali ci sia veramente una solidarietà con una rotazione e che possano girare più lavoratori possibili. Questo vorrebbe dire che i lavoratori che sono anni fuori ed esclusi siano rimessi in gioco nel mondo della fabbrica e del lavoro".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Disponibile in questa prima fase il vaccino monodose Janssen per le persone tra i 60 e i 79 anni. Ecco le farmacie aderenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Politica