Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:PIOMBINO23°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il missile russo è un boomerang: torna indietro dopo il lancio e si schianta al suolo

Politica giovedì 14 aprile 2022 ore 14:31

“Più dubbi che certezze sul rigassificatore”

Rifondazione Comunista

Da Rifondazione Comunista una serie di punti da approfondire rispetto all’ipotesi della messa in funzione di un rigassificatore a Piombino



PIOMBINO — Il Partito di Rifondazione Comunista è intervenuto in merito al dibattito aperto sull’ipotesi della messa in funzione di un rigassificatore a Piombino.

“Al momento non vi è niente di certo, visto che i dettagli del progetto non sono stati resi noti neppure all’amministrazione locale, come da loro stessi dichiarato. - hanno spiegato da Rifondazione - Questo progetto, che il Governo metterebbe in atto per ridurre la quota di gas acquistato dalla Russia e per incrementare invece l’acquisto di questa materia prima da oltreoceano, ci preoccupa da numerosi punti di vista. Il primo è essenzialmente politico, e per certi versi anche etico. Una cittadinanza come quella piombinese, che da più di un secolo e mezzo ha visto installare sul proprio territorio attività industriali e di produzione d’energia, in nome dell’utilità pubblica e dello sviluppo del Paese, e che da sempre per questo ne paga le conseguenze, e che dopo le ha viste cedere a privati che ne hanno fatto scempio, senza il minimo rispetto dei cittadini e dei lavoratori, non può adesso veder calare dall’alto un ennesimo piano enormemente impattante senza essere ampiamente e tempestivamente informata dei dettagli e delle conseguenze che tale piano comporta. - e ancora - Il secondo è di tipo ambientale. Piombino si trova all’interno di un Sin, che da anni dovrebbe essere bonificato e messo in sicurezza, ma che al di là di vuote promesse non ha mai visto interventi concreti di miglioramento. Non vogliamo unirci poi al coro delle cassandre che paventano incidenti o malfunzionamenti di tale impianto, ma certamente un evento tragico ed imprevedibile non può essere immaginato come a probabilità zero. Il terzo è di tipo economico. Un impianto di questo tipo porta pochissimi posti di lavoro, tra i cinque ed i dieci, se ci basiamo sul rigassificatore di Livorno. Qualche posto di lavoro potrebbe essere legato all’indotto, ma anche questi non saranno mai numerosi. E parallelamente a questo, l’economia locale ne avrebbe un vantaggio o uno svantaggio? Non vorremmo poi pensare che l’ubicazione in area portuale del rigassificatore sia dettata dalla necessità di non disturbare la visuale alle aree turistiche limitrofe. E non vorremmo neanche pensare che il nostro territorio, fortemente compromesso e così bisognoso di interventi di bonifica e ripristino, sia invece inteso come discarica nazionale, come luogo di posizionamento per ogni genere di attività o infrastruttura impattante, inquinante e nociva”.

“Le domande che ci facciamo ed i dubbi che in questi giorni ci assalgono sono davvero troppi, e vorremmo che i nostri cittadini fossero messi a conoscenza di quello che si sta mettendo in atto a loro totale insaputa e senza il minimo tentativo di coinvolgimento”, hanno concluso dal circolo di Rifondazione Comunista.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sindaca Ticciati: “Ferrari rinnega le ragioni della condivisione strappando il nostro passato più bello e il disegno per lo sviluppo futuro”
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità