QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°29° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 17 settembre 2019

Elezioni sabato 18 maggio 2019 ore 15:31

Punto nascita, "ancora fumo negli occhi"

Francesco Ferrari

Il candidato sindaco Ferrari risponde alla lettera aperta del presidente Rossi: "Serve l'adeguamento della struttura e del personale"



PIOMBINO — "Ancora fumo negli occhi; sul punto nascite il presidente Enrico Rossi rassicura tutti dicendo che è in corso di predisposizione un non ben precisato sollecito della Regione Toscana al Ministero della Salute per ottenere una deroga che, a Piombino, manca da anni". Così il candidato a sindaco Francesco Ferrari ha commentato la recente lettera aperta scritta dal presidente della Regione Toscana in merito al futuro del punto nascita (leggi qui l'articolo correlato).

"Nonostante la normativa prescrivesse che ogni punto nascite dovesse avere una sala parto attigua alla sala operatoria (e si può comprendere il perché), nessuno ha fatto niente. - ha aggiunto Ferrari - Le deroghe, del resto, dovevano servire proprio a consentire ai singoli presidi ospedalieri di conformarsi ai dettami della legge. Ed invece chi ha governato questi territori in tutto questo tempo si è solo preoccupato di vivere in una deroga permanente. Adesso è chiaro che non potrà arrivare alcuna deroga, anzi: le recenti verifiche disposte dal Ministero hanno riscontrato la mancanza dei requisiti minimi del punto nascite; da qui il parere negativo giunto proprio dal Ministero". 

"Ad appena una settimana dalle elezioni, invece, Enrico Rossi garantisce qualcosa che non può garantire; ma d’altronde lui è lo stesso che ci aveva già promesso la Concordia, la messa in sicurezza della discarica di Poggio ai Venti, il tornare a colare acciaio a Piombino e tanto altro. - ha commentato - Sono le solite promesse che non fanno più presa ma che anzi dimostrano che la preoccupazione più grande di chi ci ha governato sino ad ora è il consenso elettorale più che l’interesse dei cittadini". 

Per Ferrari l'amministrazione, i vertici regionali e la direzione Asl avrebbero dovuto pretendere investimenti per l'adeguamento della struttura e del personale. "In altri ospedali ciò è stato fatto ed infatti la deroga ministeriale l'hanno ottenuta da tempo", ha aggiunto.

"Se il Punto Nascite chiuderà non sarà per il numero esiguo dei parti ma per un mancato rispetto dei requisiti di cui la politica locale si deve assumere la responsabilità. - ha concluso Ferrari - L’unico modo per continuare a far nascere i nostri figli a Piombino sarà quello di lottare per la qualità di un servizio e per il rispetto delle normative, piuttosto che per ottenere una qualche deroga".



Tag

Lione, raccolti 109 monopattini dal fiume

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Politica

Attualità

Attualità