Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO13°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 24 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Il Papa sarà qui da noi a Bagdad il 5 marzo: una visita eccezionale. Porterà conforto e speranza in Iraq»

Attualità domenica 17 gennaio 2021 ore 12:45

"Pensiamo a tutte le donne delle Valli Etrusche"

Bene il rinnovamento del reparto di Ostetricia a Cecina, ma per il Comitato Lasciateci a Piombino non bisogna dimenticare Villamarina



PIOMBINO — Le recenti parole del direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia di Cecina, Piombino ed Elba Andrea Antonelli a margine di un comunicato dell'Azienda Usl Toscana Nord Ovest sul completamento dell'opera di rinnovamento portata avanti per il reparto di Cecina non hanno del tutto convinto il Comitato Lasciateci nascere a Piombino.

Come ha sottolineato il comitato che da mesi si batte per la riapertura del punto nascita all'ospedale di Piombino, "complimenti, ci mancherebbe, per l'ottimo lavoro svolto a Cecina. Presidio che, evidentemente, gode di tutto l'impegno del suo direttore. Ma parliamo delle donne delle Valli Etrusche".

Il Comitato Lasciateci nascere a Piombino si riferisce a tutte quelle donne provenienti dalla Val di Cornia. "Quelle che sono state caricate su un'ambulanza, con il parto aperto? O quelle che sono rimaste bloccate per la strada d'estate? Oppure, quelle che hanno viaggiato avanti e indietro anche per un tracciato? Quelle che avete esposto a rischi che neanche potevate calcolare? Quelle che avete affidato ai medici del 118, e infermieri del pronto soccorso dopo averli formati con un corso di 6 ore?", ha evidenziato il comitato. Tutte donne che, se il punto nascita di Villamarina fosse rimasto attivo, si sarebbero rivolte all'ospedale più vicino.

"Si parla di condivisione delle risorse e di rete strutturata sul territorio, il direttore Andrea Antonelli dovrebbe spiegarci, cortesemente, quali sono le specifiche necessità alle quali Piombino non può rispondere. Ci si riferisce ai parti? Alla ginecologia? Allora sia chiaro che questo è ciò che ci è portato via. Per Piombino, bastava creare dei percorsi dedicati, investire sulla qualità dell'assistenza", ha aggiunto il comitato ribadendo che l'ottica dell'ospedale unico, della condivisione e del supporto in questo caso non sembra proprio funzionare.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Lavoro