Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:45 METEO:PIOMBINO18°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 02 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo messaggio del rapper russo Walkie prima del suicidio: «Non sono pronto a uccidere»

Attualità mercoledì 08 giugno 2022 ore 18:02

Rigassificatore, nuovo confronto con Cingolani

Ferrari e il ministro Cingolani in un precedente incontro

Il sindaco Ferrari: “La nostra posizione rimane contraria. Piombino rimane, purtroppo, una delle soluzioni tecnicamente più semplici da realizzare”



PIOMBINO — Il sindaco di Piombino Francesco Ferrari ha incontrato di nuovo il Ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani. Un incontro avvenuto grazie al tramite dell’onorevole del Movimento 5 stelle Francesco Berti.

“Ho avuto l’occasione di incontrare ancora una volta il Ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani per affrontare il tema del rigassificatore nel porto di Piombino. - ha fatto sapere il sindaco Ferrari in un post Facebook - Erano presenti anche gli assessori competenti e i tecnici del Comune collegati da remoto. La riunione è stata l’occasione per ribadire ancora una volta quanto il progetto sia pericoloso per il sistema della nostra città a partire dalle ripercussioni economiche in primis per gli impianti di itticoltura insediati a pochi metri dal porto e per le aziende che operano nelle aree in concessione”. 

“L’abbiamo detto più volte: Piombino sta combattendo per uscire da una crisi che l’ha ingessata per anni e ha trovato nella diversificazione uno strumento per risollevarsi. - ha spiegato - Parte fondamentale di questo piano di rilancio è il turismo che certamente non sarebbe agevolato dal posizionamento di una nave metaniera di trecento metri nel porto che, come se non bastasse, potrebbe anche creare problemi ai collegamenti con l’Elba e il resto delle isole dell’arcipelago toscano. A questo si aggiungono i danni ambientali e i potenziali rischi per la sicurezza. Tutte considerazioni che non possono che vederci profondamente contrari all’ipotesi e che vedono anche la comunità schierarsi apertamente per il no”.

Il sindaco ha fornito ulteriori spiegazioni: “Il fatto che l’impianto opzionato sia a circuito aperto e, quindi, implichi un’interazione pericolosa con l’ambiente sversando in mare enormi quantità di acqua fredda con l’aggiunta di ipoclorito di sodio, è elemento estremamente preoccupante: una nave a circuito chiuso avrebbe comportato un minore impatto ambientale e minori ripercussioni economiche. Il Ministro Cingolani - ha proseguito - ci ha comunicato che è ancora in corso la fase delle valutazioni tecniche ma che, tuttavia, Piombino rimane, purtroppo, una delle soluzioni tecnicamente più semplici da realizzare. La nostra posizione - ha concluso - continua ad essere fermamente e incondizionatamente contraria: il nostro impegno è teso a difendere il territorio da un’ipotesi dannosa per il suo futuro”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La rottura ha interessato la condotta principale della rete idrica che porta l’acqua a tutte le abitazioni e le attività di Venturina Terme
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Cronaca

Attualità