Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:PIOMBINO11°13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 05 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La motovedetta libica fa una manovra violenta e i migranti cadono in acqua

RIGASSIFICATORE giovedì 23 marzo 2023 ore 07:13

Rigassificatore, nuova denuncia dell’Usb

Usb: “Con l’integrazione della denuncia depositata il 22 Marzo è stato chiesto alla Procura di valutare anche i profili penali che emergono”



PIOMBINO — Usb Livorno ha presentato una nuova integrazione di denuncia per contestare quanto sta accadendo in queste ore relativamente alla nave rigassificatore arrivata nel porto di Proombino.

“Nella notte del 19 Marzo la nave Golar Tundra è attraccata al porto di Piombino e tale avvenimento è grave dal momento che l’Ufficio Circondariale Marittimo – Guardia Costiera di Piombino, con nota prot. n. 0014045 del 12.10.2022, evidenziava la necessità di effettuare un dragaggio e/o spostamento dei sedimenti, allo scopo di garantire la sussistenza di un fondale adeguato, per un’estensione di almeno ulteriori 50 metri, come suggerito nello studio effettuato dalla società specializzata Cetena. - si legge in una nota dell’Unione sindacale di base - È importante far rilevare anche che le simulazioni che hanno permesso di giungere a tali conclusioni sono state effettuate con nave di lunghezza f.t. pari a 180 m mentre la Golar Tundra ha una lunghezza pari a circa 292,5 metri. Ciò anche in ragione delle sicurezze di manovra dal momento che l’area è interessata anche dal transito di traghetti e dunque non si tratta di un’area solo commerciale ma anche interessata al trasporto di persone, la cui incolumità è posta in serio pericolo visto il tipo di materiale all’interno della Frsu. Snam afferma di aver effettuato dei test per misurare le emissioni del motore in modalità gas sulla Golar Tundra durante il viaggio da Singapore a Piombino immediatamente dopo il carico di Gas Naturale Liquefatto, circostanza unita alle fonti di cronaca che fanno emergere la presenza di gas nei serbatoi con il potenziale rischio per la collettività”. 

“Il tutto - hanno proseguito - è avvenuto in pendenza dell’Aia e senza quelle opere indicate tali da permettere la disponibilità di un fondale più esteso e una sicurezza sia delle imbarcazioni transitanti sia di operatori e passeggeri presenti all’interno del porto di Piombino. A ciò si aggiungano le sconcertanti dichiarazioni del Commissario Straordinario della Regione Toscana il quale ha detto: ‘anche se sarà accolto il ricorso del Comune, la nave non si fermerà’, se sarà accolto il ricorso ‘la nave sarà già in funzione e quindi continuerà ad andare’. È gravissimo che tali considerazioni vengano formulate dal Presidente della Regione il quale così affermando istiga pubblicamente e per giunta in veste di pubblico ufficiale la non applicazione di un provvedimento giurisdizionale. Le sue affermazioni fanno intendere che è stato già tutto deciso”. 

Il sindacato si è rivolto al Tar e alla Procura.

“Pertanto - ha concluso - con l’integrazione della denuncia depositata il 22 Marzo 2023 è stato chiesto alla Procura di valutare anche i profili penali che emergono dalle dichiarazioni di Giani”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Svolto il primo appuntamento a Salivoli dedicato al tema cultura, venerdì invece si parlerà di città sicura con il candidato Gianni Anselmi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Attualità