Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO19°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Lavoro mercoledì 26 maggio 2021 ore 21:47

Rimateria, "garantire ammortizzatori sociali"

Camping Cig

Camping Cig: "Ai dipendenti Rimateria, se necessario, devono essere garantiti gli ammortizzatori sociali adeguati per continuare a vivere con dignità"



PIOMBINO — "I lavoratori di Rimateria devono essere garantiti, da subito, con una soluzione occupazionale certa, che rispetti i loro diritti, anche dal punto di vista salariale, e a tempo indeterminato. Sono loro l'anello più debole del sistema, non possono pagare per errori commessi da altri, nel passato o nel presente".

Questa la considerazione del Coordinamento Camping Cig in merito alle conseguenze per i lavoratori del fallimento di Rimateria.

"A differenza di quanto promesso, Rimateria non ha trattato neppure un chilo di rifiuti provenienti dalla bonifica del Sin industriale piombinese, incamerando invece montagne di rifiuti provenienti da altri siti. L'attuale amministrazione non è stata capace di portare avanti un progetto industriale adeguato che sapesse opporsi al piano scelto dai privati, avallato dalla precedente amministrazione. Ai dipendenti Rimateria, se necessario, devono essere garantiti gli ammortizzatori sociali adeguati per continuare a vivere con dignità, anche in una eventuale fase di passaggio. - hanno spiegato - Noi, operai cassintegrati del Camping Cig, lo affermiamo in base al medesimo criterio che abbiamo applicato a noi stessi, dipendenti delle acciaierie, molti in Cig da 7 anni. Bisogna lavorare tutti e tutte e svolgere attività lavorative che rispettino la salute degli addetti e della popolazione circostante; attività che siano un pezzo della rinascita sociale, ambientale e culturale dell'intero territorio".

"Da sempre, chiediamo che si proceda finalmente con gli smantellamenti degli impianti dismessi e soprattutto con le bonifiche, le quali devono essere ben di più e di meglio di frettolose tombature dell'area industriale, inquinata da decenni. - hanno aggiunto - Bonifiche che abbiamo sempre pensato essere il vero ambito di lavoro per Rimateria, sotto controllo pubblico, e per i suoi dipendenti: non poteva avere un futuro un'azienda che voleva costruire una gigantesca discarica ad esclusivo uso dei soci privati per il loro profitto. Il lavoro deve essere utile alla società, come stabilisce la Costituzione Italiana, lo rivendichiamo pure per noi cassintegrati, nel quadro della nostra proposta del 2019 di Lavori di Pubblica Necessità attualmente in abbandono, da svolgere insieme ai disoccupati".

"Ai lavoratori di Rimateria - hanno concluso - va tutta la nostra solidarietà e l'impegno, con le nostre modeste forze, a non lasciarli soli per affermare, insieme al loro e al nostro, il diritto a un lavoro degno e socialmente utile, nonché ai diritti nel lavoro, per tutti gli uomini e le donne che del proprio lavoro vivono".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'azienda: "Impegnati a rimanere sul territorio. Attivato un canale con il Mise". Il sindaco pensa al recupero delle aree dismesse
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro