QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°17° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 18 novembre 2019

Politica domenica 21 luglio 2019 ore 13:39

Discarica, Pd: "A che titolo ha parlato Parodi?"

Giuliano Parodi durante l'assemblea di giovedì

Prima l'intervento del vicesindaco all'assemblea del Comitato Salute, poi la nota del sindaco Ferrari. Protagonismo? Per il Pd qualcosa non torna



PIOMBINO — "A che titolo ha parlato Parodi il 18 sera al Comitato di Salute Pubblica visto che non ha delega né all’ambiente né alle partecipate? Stride, infatti, che il sindaco sia corso a precisare con una nota il giorno dopo l’uscita del vice sindaco", lo scrive il consigliere capogruppo Pd Angelo Trotta riferendosi all'assemblea pubblica organizzata dal Comitato Salute Pubblica giovedì 18 Luglio all'auditorium del Centro Giovani e durante la quale ha preso la parola il vicesindaco Giuliano Parodi e assessore con delega al Turismo e alle Attività Produttive (Turismo, Commercio, Attività Produttive, Agricoltura, Cultura, Affari Generali) per riferire del percorso avviato dalla nuova Amministrazione per il futuro della discarica Rimateria.

All'intervento in assemblea è seguito un comunicato ufficiale dell'Amministrazione comunale nel quale il sindaco Francesco Ferrari ha anticipato alcuni dettaglio del piano per stoppare il raddoppio della discarica, argomento cardine della sua campagna elettorale (leggi qui l'articolo correlato).

Domanda rilanciata anche dalla consigliera Anna Tempestini della lista Con Anna per Piombino che ha aggiunto: "Non sentiamo invece la voce dell'assessore all'ambiente che dovrebbe essere preoccupata per le possibili conseguenze di un fermo dell'azienda vista la necessità di mantenere in sicurezza la ex discarica Asiu e magari pensare davvero a come gestire i cumuli. Silenzio totale poi tra una possibile sinergia tra Jsw Steel e Rimateria per conferimenti e sinergie. Attendiamo evoluzioni".

"Il vicesindaco non è un altro sindaco - ha puntualizzato Trotta nei commenti al suo post - bensì sostituisce il sindaco in caso di assenza, impedimento temporaneo o sospensione dell’esercizio della funzione. Dunque entra formalmente in funzione solo in una di queste fattispecie: altrimenti è chiamato a svolgere la propria nell’ambito delle deleghe conferitegli. Dunque non si porrebbe nessuna questione se il sindaco, che risulta in ferie, non avesse diramato a suo nome un comunicato su materie che non competono a Parodi nelle stesse ore in cui anche il vicesindaco si esprimeva in proposito. Dunque o il sindaco è presente, e il vicesindaco come tale non ha alcuna funzione salvo le deleghe attribuitegli come assessore, oppure è assente e in sua vece (a meno che non decida di farlo l’assessore competente, e cioè nella fattispecie quello alle partecipate o all’ambiente) parla il vicesindaco. Ma vicesindaco non può essere la versione orale di un testo scritto dal sindaco in vacanza: semmai nel caso avrebbe dovuto firmare lui la nota che può essere così letta come un tentativo di arginarne il protagonismo. Ma la questione, purtroppo, è tutt’altro che formale". 

Di fronte a questa situazione il sindaco Ferrari dovrebbe chiarire a chi lo ha eletto "chi è nel Comune di Piombino che decide e che sceglie: il sindaco o l’assessore alle attività produttive e cultura? Con tutta evidenza non è questione formale legata al fare le veci ma di autonomia e credibilità di chi ha ricevuto un mandato per governare".



Tag

Acqua Alta a Venezia, ristoratori regalano pasta e fagioli: «Questo lo spirito dei veneti»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Cronaca