QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 9° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 11 dicembre 2019

Politica sabato 30 novembre 2019 ore 08:25

Si torna a parlare di pianificazione territoriale

Pd: "Paradosso di Ferrari. Dopo mesi di sollecitazioni il sindaco ha deciso di riunire per la prima volta l’Ufficio di Pianificazione Territoriale"



PIOMBINO — "Finalmente, dopo mesi di sollecitazione dei sindaci di Campiglia, San Vincenzo e Sassetta, il sindaco Francesco Ferrari ha deciso di riunire per la prima volta dopo le elezioni del giugno scorso l’Ufficio di Pianificazione Territoriale", così ha esordito il Partito Democratico annunciando la convocazione ritenendola "prova del fatto che, esclusa una variante propagandistica e non condivisa con il resto del territorio, l’urbanistica è stata colpevolmente tenuta fuori dall’agenda politica della nuova Giunta di Piombino che invece aveva promesso in tempi rapidi una nuova visione del territorio". 

Il Pd ha ricordato come negli anni "le ultime Amministrazioni avessero approvato in tutti i consigli comunali della Val di Cornia un unico documento politico unitario che tracciava le linee di sviluppo e tutela del territorio. Tutti, ex sindaco di Suvereto compreso. Parallelamente, negli anni scorsi, i Comuni di Campiglia Marittima e Piombino avevano completato, di concerto con cittadini, associazioni e imprese, la stesura del Piano strutturale intercomunale, pronto per l’adozione e che, ad oggi, ancora resta nei cassetti del Comune di Piombino".

"Paradossale - ha commentato il Pd - che questo primo incontro avvenga all’indomani del termine imposto dalla Legge per variare gli strumenti urbanistici. Di fatto creando uno stallo nella possibilità di pianificare e, quindi, di dare risposte concrete allo sviluppo di questo territorio. Quali siano le ragioni di questi ritardi è facile immaginalo:- hanno concluso - governare le mille promesse elettorali è faccenda estremamente complicata. Ma cittadini e imprese di un territorio, già in grave difficoltà, non possono pagare le divisioni e l’improvvisazione della maggioranza piombinese". 



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Lavoro

Attualità