Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO14°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità giovedì 01 ottobre 2020 ore 18:40

Un fiore in mare in memoria delle vittime migranti

Lo striscione della Rete Solidale Antirazzista

Rete solidale e Comunità senegalese: "Fare del Mediterraneo un mare di pace e accoglienza nella giustizia". L'appello ai Comuni della Valdicornia



PIOMBINO — La Rete solidale antirazzista e la Comunità senegalese locale hanno organizzato una iniziativa per ricordare il tragico naufragio del 3 Ottobre 2013 a Lampedusa in cui persero la vita 368 migranti in cerca di un futuro migliore.

Il 3 ottobre di ogni anno è diventato così la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione, istituita dal Parlamento della Repubblica con legge n. 45 del 2016. L'iniziativa pubblica si svolgerà al faro di piazza Bovio, a Piombino, sabato 3 ottobre prossimo, alle 17,30 nel rispetto responsabile delle norme anticovid.

"Ogni partecipante affiderà un fiore al mare in silenzio, in segno di rispetto e personale partecipazione al lutto delle famiglie delle vittime, dei loro popoli, dell'umanità tutta. - hanno detto gli organizzatori - Lo faremo con l'obiettivo politico di fare del Mediterraneo un mare di pace e accoglienza nella giustizia, grazie finalmente all'impegno solidale dell'Unione europea e dei paesi rivieraschi, per preparare un futuro degno alle generazioni a venire".

L'iniziativa è anche l'occasione per ottenere l'attenzione delle amministrazioni comunali della Valdicornia chiedendo loro di esporre le bandiere a mezz'asta in segno di lutto.

Alcune precise richieste, invece, riguardano l'Amministrazione comunale di Piombino. "Chiediamo di dare attuazione all'ordine del giorno approvato dal Consiglio comunale lo scorso 30 Luglio e di procedere quindi all’iscrizione anagrafica dei migranti presenti sul territorio; a censire quanti sono stati espulsi dal sistema di protezione; a riprendere il cammino intrapreso a suo tempo con la consulta degli immigrati e l'elezione del consigliere comunale aggiunto, per favorire la loro attiva partecipazione democratica alla vita della comunità".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ai casi già noti dalla settimana scorsa, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri appartenenti allo stesso focolaio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità