QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°17° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 18 novembre 2019

Attualità sabato 31 agosto 2019 ore 13:30

Variante Jsw, “approvata senza alcuna garanzia”

È il coordinamento Camping Cig a rimarcare questo aspetto a pochi giorni dall’approvazione della variante. “L’azienda sta giocando a nascondino?”



PIOMBINO — “L’Amministrazione comunale di Piombino ha approvato la variante-tempra senza alcuna garanzia, né tanto meno la contestuale apertura della fase di installazione almeno del primo dei tre forni elettrici annunciati da Jindal”, a sottolinearlo il Camping Cig.

“Si è scelto di aderire frettolosamente all’Accordo di programma regionale, anziché seguire la procedura ordinaria, in ossequio all’azienda, la quale è peraltro assai lenta nel produrre la documentazione prescritta. - hanno commentato - Come si dice, ‘prima mostrare monete, poi vedere cammelli’. In questa specifica situazione non si vede discontinuità con l’amministrazione precedente”.

“Che significato assume poi il trasferimento in corso, dallo stabilimento di Piombino presso un’acciaieria bergamasca, di alcune decine di colatori altamente professionalizzati? - hanno aggiunto - Ce lo domandiamo, nel pieno rispetto delle vicende individuali delle persone coinvolte. La preoccupazione è motivata anche da quanto pubblicato da Money Control, che riporta le dichiarazioni del Cfo di Jsw Steel Seshagiri Rao, secondo cui il taglio della produzione (e degli addetti? si chiede il Camping Cig) potrebbe essere la risposta del gruppo indiano all’attuale flessione del mercato. Ci chiediamo quindi se l’azienda non stia giocando a nascondino e se tali posti di lavoro non saranno definitivamente cancellati dagli organici dello stabilimento di Piombino”

Ecco dunque che il Camping Cig chiede alle organizzazioni sindacali di convocare l’assemblea dei lavoratori per esaminare collettivamente la vicenda e decidere democraticamente come avviare il confronto di merito con l’azienda su criteri immediati e prospettive future dell’operazione. A questo si aggiunge anche la questione legata a Piombino Logistics per la quale vengono denunciati ritardi nella manutenzione degli impianti (leggi qui l’articolo).

“Molti elementi concorrono dunque a far ritenere che il progetto preannunciato da Jindal per Piombino sia arrivato al capolinea, come il Camping Cig ripete da tempo. - hanno concluso - Secondo noi è tempo di rivendicare un piano B che veda protagonista lo Stato mediante una forte politica industriale, senza escludere la possibile nazionalizzazione in vista della produzione di acciaio pulito di alta qualità. A una situazione eccezionale, risposte eccezionali in termini di risorse e normative. La stessa crisi di governo in corso va assunta come opportunità per imporre al centro dell’attenzione e dei programmi politico-economici il caso Piombino, mediante la mobilitazione dei lavoratori e della popolazione per il reddito e la salute di tutti”.



Tag

Maltempo, il Sieve esonda a Pontassieve: strade allagate e auto sommerse

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità