QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°17° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 18 novembre 2019

Lavoro sabato 31 agosto 2019 ore 10:29

Due Emme, "non disperdere le professionalità"

Le segreterie sindacali Uilm e Fiom hanno chiesto un incontro urgente dopo le decisioni sull'organico avanzate dal curatore fallimentare



PIOMBINO — "Siamo a richiedere un incontro urgente a seguito della procedura fallimentare che è stata decretata per l'Azienda Due Emme Spa di Piombino lo scorso 23 Agosto", a chiederlo a Prefettura, Regione Toscana e Comune di Piombino sono le segreterie provinciale Uilm e Fiom a seguito degli ultimi sviluppi.

"Come abbiamo sempre richiesto in questo periodo di Procedura Concordataria , anche attraverso il tavolo istituzionale in Regione Toscana, per il Sindacato la priorità è sempre stata quella di preservare la continuità produttiva con il mantenimento di tutte le forze aziendali. - si legge nella lettera di richiesta - Elemento importante che è stato accolto nel decreto fallimentare, in cui viene sancito da subito anche l'Esercizio Provvisorio sotto l'amministrazione del Curatore Fabio Serini (ex commissario di Procedura). Negli incontri avvenuti in questi giorni conseguenti il fallimento però, - hanno aggiunto - abbiamo appreso che, pur essendoci un presupposto di continuità nonostante le criticità, le condizioni attuali non consentono il mantenimento di tutta la forza lavoro e che Il Curatore Fallimentare vede come unica soluzione i licenziamenti collettivi - per lasciare operativi circa 16 /17 lavoratori su un organico attuale di 44".

Questo per le segreterie sindacali "è inaccettabili, soprattutto in una fase che dovrebbe traghettare la Due Emme verso un bando di acquisizione con un possibile nuovo compratore".

"Non si possono disperdere ulteriori professionalità e soprattutto non si può tollerare che prima ancora che ci sia una vendita, il Curatore decida che tra le prime operazioni del suo mandato ci sia la diminuzione degli organici. - hanno commentato - Sottolineiamo che all'inizio di questa vicenda, circa un anno e mezzo fa, la forza aziendale riguardava 80 persone che ad oggi sono rimaste 44, con 3 dimissionari in corso. I sindacati e gli stessi lavoratori continuano a credere nel forte potenziale di questa azienda e riteniamo che tutta la forza lavoro debba avere la possibilità di arrivare al bando di vendita per poter intravedere un futuro con un nuovo possibile imprenditore".

Intanto, per la gestione del personale dichiarato in esubero dal Curatore, le Segreterie Sindacali hanno chiesto l'applicazione della Cassa integrazione Straordinaria così come previsto anche nel Decreto di Genova, che ne prevede l'utilizzo anche per le aziende in esercizio provvisorio; la risposta del Curatore fallimentare al momento è stata negativa. Inoltre, si chiede di tutelare i lavoratori che in questi mesi non hanno ancora riscosso il periodo Giugno/Agosto relativo al Contratto di Solidarietà in approvazione al Ministero; questo Decreto non è stato ancora approvato e la possibile apertura di un nuovo ammortizzatore (CIGS) che abbia la prerogativa della continuità aziendale, non può prescindere dal riconoscimento del periodo precedente.

"I sindacati, in questa grave fase di incertezza che coinvolge tutti i lavoratori Due Emme, - hanno concluso - chiedono alle istituzioni e al Governo del territorio la massima attenzione che in questi anni hanno già dimostrato per Piombino, e si riservano nei prossimi giorni di attivare le mobilitazioni che riterranno necessarie per tutelare i posti di lavoro".



Tag

Maltempo, il Sieve esonda a Pontassieve: strade allagate e auto sommerse

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità