Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:50 METEO:PIOMBINO12°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 01 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Camera, il labiale di Donzelli durante l'intervento di Gardini

Attualità martedì 29 novembre 2022 ore 10:07

Cure palliative, dall'Ausl nord ovest buon esempio

Foto di repertorio

L’esperienza ventennale del servizio, il primo in Regione Toscana, ha fatto da battistrada anche a livello nazionale



PROVINCIA DI LIVORNO — Il servizio di Cure Palliative dell’Azienda Usl nord ovest è stato grande protagonista del congresso nazionale Vincere il dolore che si è svolto nei giorni scorsi a Firenze. L’intervento della responsabile della rete aziendale delle Cure Palliative Costanza Galli sul tema Il ruolo delle cure palliative precoci in oncologia, è stato premiato come migliore poster il lavoro realizzato dalla coordinatrice Barbara Bedina dal titolo Cure Palliative e Infermieristica di Famiglia, quale integrazione tra l’Infermiere Specialist e l‘IFeC nella Azienda USL Toscana nord ovest.

“L’esperienza ventennale del nostro servizio, il primo in Regione Toscana – ha spiegato Costanza Galli – ha fatto da battistrada anche a livello nazionale tracciando un percorso che negli anni si è imposto come un modello da imitare. In tanti anni sono cambiate molte cose, ma quello che non cambierà mai è la volontà di affermare il valore della vita, considerando però la morte come un evento naturale. Non spetta a noi prolungare o abbreviare l’esistenza del malato. Noi ci occupiamo di provvedere al sollievo dal dolore e dagli altri sintomi nel tentativo di rendere ogni istante vita e non un tempo di attesa della fine". 

"Oggi le cure palliative non possono più essere considerate come cure di fine vita e quindi intervenire solamente quando terminano gli altri trattamenti. - ha proseguito - Le cure palliative possono dare il loro contributo partendo simultaneamente con altre cure specialistiche in modo da poter garantire una reale pianificazione condivisa tra paziente, famiglia, specialista e medico di famiglia. In questo modo si riesce a garantire al paziente, opportunamente accompagnato e informato della traiettoria della patologia di cui è affetto, di poter scegliere il meglio per se stesso".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Casa di Margot ha segnalato che gli altri Comuni non abbiano servizio di accalappiatura e canile come previsto dalla legge
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Politica