Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:05 METEO:PIOMBINO17°29°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 14 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo speciale social di Cook dal Vinitaly

Attualità martedì 20 febbraio 2024 ore 15:36

In pronto soccorso arriva l'unità di degenza breve

Il provvedimento mirato a incrementare l'efficenza riguarda gli ospedali di Livorno e Cecina-Piombino, ma anche altre strutture dell'Ausl Nord Ovest



PROVINCIA DI LIVORNO — L'Azienda Usl Toscana nord ovest ha disposto l'attivazione, in tutti i principali pronto soccorso del territorio, delle unità di degenza breve per alta e media intensità di cura. Queste nuove strutture saranno operativa nel giro di pochi mesi negli ospedali di Massa, Lido di Camaiore, Lucca, Pontedera, Livorno e Cecina-Piombino.

Lo ha stabilito la delibera 142 dello scorso 9 Febbraio firmata dal direttore generale dell'Asl, Maria Letizia Casani.

"Il provvedimento è mirato ad incrementare l'efficienza e l'efficacia dei servizi di pronto soccorso - ha spiegato Casani - e le degenze brevi ad alta e media intensità consentiranno di ottimizzare ancora di più la gestione dei pazienti in base alla gravità delle loro condizioni cliniche, migliorando al contempo l'efficienza operativa degli ospedali. Sono certa che la nuova misura ottimizzerà ancora di più risorse e competenze, metterà gli operatori in condizione di svolgere ancora meglio il proprio lavoro e, a cascata, migliorerà il servizio per i pazienti".

"Le nuove degenze brevi saranno dedicate ai pazienti in condizioni complesse, ovvero quelle che fino a poco tempo fa venivano classificate come codici gialli e codici verdi (oggi codici di priorità 2 e 3), che corrispondono all'intensità di cura elevata e media rispettivamente. - ha proseguito Alberto Conti, direttore del dipartimento Emergenza urgenza dell'Ausl Toscana nord ovest - I codici rossi di emergenza saranno ugualmente trattati nella sala di emergenza dei pronto soccorso, che corrisponde alla terapia intensiva propriamente detta". 

Come spiegato dagli addetti ai lavori, le nuove aree di alta e media intensità di cura sono aree dove vengono assistiti i pazienti clinicamente ed emodinamicamente instabili in attesa di una loro eventuale collocazione nei reparti. Le unità di osservazione breve intensiva, le cosiddette OBI, già presenti nei nostri pronto soccorso, continueranno invece ad ospitare quei pazienti che, pur avendo bisogno di essere monitorati, presentano un quadro clinico stabile o presumibilmente destinato a stabilizzarsi nelle ore successive fino all'eventuale dimissione ospedaliera.

"La decisione tiene conto delle esigenze presenti nei nostri pronto soccorso e scaturisce dalla volontà di adottare soluzioni innovative per migliorare continuamente il servizio - ha concluso Conti - e di questo devo ringraziare la direzione aziendale che ha accolto le proposte del dipartimento e che le ha fatte proprie mettendole in pratica". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno