QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 8° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 12 dicembre 2019

Attualità giovedì 20 luglio 2017 ore 19:20

A galla tutte le perplessità sull'acquapark

Per l'associazione degli operatori turistici la posizione non è congeniale, un assist colto al balzo da Assemblea Sanvincenzina



SAN VINCENZO — Il parco acquatico sta per diventare realtà a San Vincenzo. Non mancano, però, polemiche e perplessità sulla sua realizzazione che occuperà 1.500 metri quadrati di specchio acqueo e 40 metri quadrati in spiaggia per assistenza, biglietteria e deposito.

Tra le perplessità ci sono quelle sollevate dall’associazione degli operatori turistici sanvincenzini che hanno chiesto un incontro urgente con il sindaco Alessandro Bandini per poter discutere meglio del progetto al quale il Comune sta lavorando. Il nodo della questione sta in primo luogo nella decisione di realizzarlo in corrispondenza di via del Faro (nella zona tra l'hotel Villa Marcella ed il Bagno la Conchiglia), invece che di fronte via Sicilia (tra le due concessioni demaniali del Bagno Nettuno e del ristorante Serendipity).

“La nostra associazione è favorevole alla realizzazione di tale iniziativa in quanto rappresenta un servizio e una fonte di svago per i bambini. – hanno detto gli operatori turistici - La nostra associazione, però, non è assolutamente d'accordo nel realizzare un simile progetto senza aver affrontato il problema dei parcheggi nella zona Conchiglia ad oggi congestionata dalle auto e priva di un numero adeguato di parcheggi. Il pessimo stato delle condutture dell'acqua, inoltre, aggrava la situazione togliendo ulteriori posti auto con i cantieri adibiti alla riparazione delle perdite”.

Insomma, considerato lo stato attuale della zona, il parco acquatico non sarebbe la migliore soluzione che offre un assist alla lista civica Assemblea Sanvincenzina che coglie la palla al balzo per sottolineare che “l'incapacità di gestire la stagione turistica della giunta Bandini esce prepotentemente allo scoperto anche quest'anno”.

La lista snocciola tutte le questioni: la decisione di cambiare in corsa l’area, la mancanza di parcheggi, la concessione di spiaggia a libera fruizione per altri usi. “Non siamo qui per criticare in sé l'idea di un acquapark, che potrebbe pure piacere a molte persone ed essere di interesse pubblico ma non possiamo più accettare che quest'Amministrazione navighi a vista, sulla pelle di imprenditori e cittadini, compromettendo sempre più la stagione balneare”.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Tag

Mes, Conte: «L'Italia non ha nulla da temere, il nostro debito è sostenibile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità