QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 26°30° 
Domani 25°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 27 giugno 2019

Attualità giovedì 25 giugno 2015 ore 19:32

Sol, sciopero della fame per la Cgs

Stefano Santini e Fabrizio Musto, due sindacalisti della Filctem Cgil, hanno deciso di iniziare lo sciopero della fame per svegliare il ministero



PIOMBINO — Un gesto estremo per richiamare l'attenzione e avere da Roma quella risposta che cambia la vita per gli otto lavoratori dello stabilimento Sol di Piombino. Due sindacalisti, Stefano Santini e Fabrizio Musto, hanno deciso di passare allo sciopero della fame pur di farsi ascoltare.

"E se necessario passeremo anche a quello della sete. Da qui non ci muoviamo finché non avremo risposte sul destino dei lavoratori della Sol". 

Santini, della segreteria Filctem Cgil, e Musto, segretario Fabrizio Musto, hanno cominciato oggi alle 16 un presidio insieme ad altri lavoratori per cercare di sbloccare una vicenda ormai paradossale. 

La vicenda è ormai nota: un cambio di iter burocratico ha messo a rischio il posto di lavoro di otto persone che non rientrano nei piani di rinnovo, per il secondo anno, della cassa integrazione straordinaria. L'accordo di cigs, su indicazione del ministero, era stato firmato alla Confindustria di Livorno proprio su indicazione del Ministero.. Una recente circolare degli uffici ministeriali ha invece comunicato alle parti che i rinnovi per il secondo anno di cigs da concedere in deroga saranno concessi, fino a esaurimento fondi, solo per le aziende i cui accordi erano a suo tempo stati firmati negli uffici del ministero a Roma.

E il tempo stringe perchè fra cinque giorni scade la cassa integrazione.

"L'accordo sul secondo anno di cassa integrazione - spiega Musto - lo avevamo firmato in Provincia perché era stato il ministero a dirci di fare così, e su questo abbiamo ampia documentazione. Temo che ci sia un problema di copertura sulla cassa integrazione, ma quel che sta succedendo è inaccettabile in particolare in un territorio come quello piombinese dove c'è un Accordo di programma".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Politica

Attualità