Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:10 METEO:PIOMBINO18°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 04 ottobre 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
«Dove sono i pompieri? Ci sono 50 persone che stanno morendo», le urla disperate di un uomo davanti al bus in fiamme

Attualità sabato 10 giugno 2023 ore 12:54

Consiglio comunale unito dice no all'agrivoltaico

Il comune di Suvereto

Maggioranza e opposizione d'accordo per scongiurare l’invasione di pannelli solari sui terreni coltivati. Da inviare a ministero e regione



SUVERETO — Il Consiglio comunale di Suvereto all’unanimità contro gli impianti fotovoltaici e agrivoltaici nei campi. Nell’ultima seduta è stato approvato da tutti i consiglieri, di maggioranza e di opposizione, un ordine del giorno che impegna l’amministrazione a fare ogni sforzo per scongiurare l’invasione di pannelli solari sui terreni coltivati.

Il documento prende avvio da un richiamo della normativa nazionale in materia e dal rischio di una diffusione incontrollata del fotovoltaico a terra e dell’agrivoltaico sui suoli agricoli, che anche in Val di Cornia comprometterebbe l’agricoltura e il paesaggio per centinaia di ettari.

Come spiegato in una nota, pur riconoscendo la necessità di superare le fonti energetiche fossili per rivolgersi a quelle rinnovabili, sulle quali peraltro il Comune di Suvereto è già impegnato, si ribadisce la priorità di salvaguardare i suoli fertili e la loro funzione per la produzione di cibo, così come la conservazione e la valorizzazione del paesaggio rurale, poiché cibo e paesaggio sono risorse fondamentali sul piano economico, ambientale e della salute.

"La realizzazione di grandi impianti su suoli agricoli – si sottolinea nel documento – determinerebbe inoltre un grave squilibrio nel mercato della terra e degli affitti agrari, introducendo aspetti speculativi che non si conciliano con la difesa dell’agricoltura e con una visione strategica dello sviluppo rurale. Viene bocciato anche l’agrivoltaico, in quanto l’innalzamento dei pannelli dal suolo, oltre ad aumentare l'impatto paesaggistico, rischia di avere ripercussioni negative sulla fertilità del suolo, quali ad esempio il difetto di soleggiamento, la diseguale distribuzione delle piogge e la limitazione delle tipologie colturali compatibili. Pertanto il Consiglio comunale, confermando il proprio sostegno alle aziende e ai lavoratori del comparto agricolo che si stanno impegnando per una agricoltura e un paesaggio di qualità, chiedendo che anche a livello nazionale l’agricoltura sia sostenuta di più e in modo più efficace, esprime un chiaro no agli impianti fotovoltaici nei campi agricoli, compresi i cosiddetti impianti agrivoltaici, che possono essere realizzati sui tetti degli edifici pubblici e privati e sulle superfici già impermeabilizzate o appositamente individuate attraverso specifica una specifica pianificazione, senza consumare ulteriore suolo e favorendo comunità energetiche e piccoli impianti diffusi".

La richiesta, dunque, al Ministero dell’Agricoltura e alla Regione Toscana di non autorizzare i progetti di fotovoltaico a terra che vadano ad occupare suolo agricolo fertile. L’ordine del giorno verrà inviato al governo nazionale e a quello regionale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ferrari dopo la riunione con l'Autorità di Sistema portuale: "Il tracciato non passerà vicino al Poggetto Cotone ma attraverserà le aree Jsw"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cultura

Politica