Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:53 METEO:PIOMBINO15°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sale su una piattaforma proibita per scattare un selfie e precipita nel vuoto: morta un’influencer russa

Politica mercoledì 05 febbraio 2020 ore 09:40

"Frettolosa scelta di smantellare la mensa bio"

Cristina Solignani

Uniamo Suvereto dubita sull'efficacia della convenzione con Piombino per la mensa. "Ci chiediamo se questa scelta era veramente necessaria"



SUVERETO — Nel Consiglio comunale del 30 gennaio è stata votata la chiusura del centro cottura della mensa scolastica di Suvereto e la convenzione con il Comune di Piombino per la fornitura dei pasti, dove il gruppo di minoranza si è opposto "per la frettolosa e silenziosa scelta".

"A giugno il centro cottura della mensa scolastica di Suvereto, aperto ormai da quasi 40 anni, chiuderà ed i pasti verranno forniti dal Comune di Piombino e preparati nel centro cottura di Montegemoli, trasportati a Suvereto e la mensa non sarà più biologica, ma convenzionale. - hanno osservato da Uniamo Suvereto - Da ricordare che Suvereto fin dai primi anni ’90, a seguito di percorsi educativi di buona alimentazione nelle scuole, ha goduto e godrà solo fino a giugno prossimo, di una mensa con alimenti biologici"

"Le motivazioni della scelta, mai preventivamente discusse, sono state affrontate per la prima volta con il gruppo di minoranza nella commissione del 27 Gennaio. - hanno sottolineato - Dagli atti e dall’esposizione della sindaca è stato riferito che, lasciando invariate le caratteristiche del servizio richiesto, sia nelle modalità (centro cottura) che nel merceologico richiesto (integralmente biologico) con una media giornaliera di pasto inferiore a 100, si metterebbe in discussione la sostenibilità finanziaria del servizio e la capacità di rispondere alle esigenze delle famiglie nell'erogazione del servizio. Per rendere appetibile la gara da parte di una ditta interessata, il costo del pasto a base di gara dovrebbe essere maggiore di quello attuale: mantenendo il costo attuale (perché così impone la cifra stanziata a bilancio) un’eventuale gara potrebbe andare deserta. Un comportamento che ci trova costretti ancora ad esprimere il totale disaccordo sul metodo che è ormai divenuto una costante del fare di questa amministrazione, ovvero quello di portare in commissione l'approvazione di atti di fondamentale importanza, dopo che i medesimi sono già stati inseriti all'ordine del giorno di una seduta già fissata del Consiglio Comunale, destituendo così di ogni sua funzione l'istituto della commissione consiliare. Per non dire poi della leggerezza che abbiamo potuto udire dagli interventi ripetuti anche nella seduta del consiglio comunale, che sconcertano per come viene liquidato il rapporto con il diritto alla salute garantendo una alimentazione più sana come risultato evolutivo che porta qualità di vita al bambino, all’ambiente e all’agricoltura. E poi - hanno aggiunto - aprire un confronto istituzionale, con le famiglie e i cittadini in tempo utile, avrebbe dimostrato un alto e concreto senso di responsabilità istituzionale ed avrebbe salvaguardato quel percorso intrapreso da decenni e sorto dall’esigenza, ma anche dalla responsabilità di facilitare, sin dall’infanzia, l’adozione di abitudini alimentari corrette".

Oltre a questo aspetto, a preoccupare l'opposizione è la distanza del centro cottura di Località Montegemoli. Il dubbio è se "cotture ed orari diversi di somministrazione del pasto delle scuole locali, sarà in grado di garantire quella qualità del cibo, che la sindaca ritiene di perseguire, abbandonando il biologico per il convenzionale".

Tra le osservazioni poste anche quelle del destino lavorativo del personale che attualmente lavora in cucina e i recenti lavori di ammodernamento delle attrezzature della cucina.

"La prospettiva futura poi di un aumento dei pasti che, come ha affermato la sindaca, potrebbe essere determinata dall’aumento dei giorni scolastici a tempo pieno e che è al vaglio dell’Amministrazione e della Dirigenza Scolastica, avrebbe forse reso necessaria un’analisi più approfondita. - hanno concluso - L’aspetto di collaborazione con gli altri comuni, quello che porta a ciascuno pari condizioni e dignità, è sicuramente la formula del futuro, ma non possiamo accettare il mancato e necessario confronto per l’ottenimento del miglior servizio possibile e il mantenimento di un’eccellenza come in questo caso di una mensa integralmente biologica ormai trentennale, che per un Comune come il nostro ha il suo valore e fa la sua differenza, che casomai meritava di essere estesa ad altre realtà e non il contrario. Ci chiediamo, allora, se questa scelta era veramente necessaria e ci auguriamo, vista l’approvazione da parte della maggioranza, che sia compiuto tutto quanto possibile per concordare con il Comune di Piombino un capitolato d’appalto che possa prevedere per Suvereto il mantenimento di un menù biologico".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Camping Cig: "Unire le lotte di tutti i lavoratori e dei cittadini di Piombino in una unica vertenza che ha come controparte il Governo"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Lavoro