comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°24° 
Domani 17°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 03 giugno 2020
corriere tv
2 giugno di Salvini: «La salute prima di tutto» ma non mette la mascherina

Politica sabato 23 maggio 2020 ore 16:16

"Sui servizi sanitari levata di scudi tardiva"

Cristina Solignani, capogruppo Uniamo Suvereto (Foto di archivio)

Il gruppo di minoranza Uniamo Suvereto snocciola le problematiche rilevate a inizio emergenza Covid-19. Dubbi sulle intenzioni dell'Amministrazione



SUVERETO — "L'amministrazione comunale di Suvereto si è finalmente accorta che i servizi sociosanitari sul territorio comunale non funzionano e che nei mesi scorsi di emergenza da pandemia Covid-19 avevano subito una ulteriore grave contrazione. E' dalla conferenza dei capigruppo del 2 Aprile, che il nostro gruppo consiliare aveva chiesto spiegazioni sulla chiusura dell'ufficio amministrativo del distretto sanitario di Suvereto, che stava causando, tra l'altro, gravi disagi ai pazienti per il pagamento dei ticket sanitari. Doversi recare sino a Venturina per tale incombenze non costituiva soltanto un disagio dovuto ai chilometri di distanza, ma era anche e soprattutto un rischio di possibile contagio, contrastante con le misure di totale blocco degli spostamenti attivati proprio per evitare tale rischio".

A rimarcare la questione sollevata pochi giorni fa dall'assessora alla Sanità Caterina Magnani (leggi qui l'articolo collegato) è il gruppo consiliare di minoranza Uniamo Suvereto.

"Dopo essersi informata, il sindaco ci aveva riferito che la situazione era stata chiarita con la Direzione dell'Azienda sanitaria e che era stato attivato un servizio di pagamento mediante la Lottomatica, come se fosse stato un sistema agevole per tutti e risolutivo. - ha ricostruito Uniamo Suvereto - In realtà per informazioni assunte direttamente, ciò che era stato attivato, dopo sollecitazioni e reclami di privati alla struttura sanitaria, era una forma di pagamento on line tramite la piattaforma regionale Iris, dove oggi tutti i cittadini possono fare accesso. Anche questa, però è una forma di pagamento non alla portata di tutti. Niente altro è stato compiuto riguardo il ripristino dell'apertura dell'ufficio amministrativo di Suvereto o di informativa diffusa tra i cittadini delle forme in atto anche on line, come alternativa per coloro che ne potevano fare accesso e che avrebbero avuto la possibilità di ricevere anche a domicilio i referti senza necessità di spostarsi. La levata di scudi ci appare, quindi, del tutto tardiva, perché la situazione non è inaccettabile ora, ma lo era anche e soprattutto in pieno periodo di emergenza".

"Male che nell'ambito della conferenza dei sindaci della Società della Salute l'Azienda non abbia dato risposte sui servizi territoriali, come riferito dalla vicesindaca Magnani, ma ci chiediamo quali siano di preciso le domande che sono state formulate all'Azienda sanitaria dall'amministrazione nel corso della passata e dell'attuale consigiatura. - ha aggiunto l'opposizione - Quella stessa amministrazione che a guida Parodi decideva di non sottoscrivere la convenzione con la Società della Salute Valli Etrusche e che ne è entrata a far parte solo per effetto delle previsioni di legge; questa attuale amministrazione ora a guida Pasquini, che dopo avere infondatamente accusato il nostro gruppo di voler chiudere il distretto sanitario ed aver sbandierato in campagna elettorale la realizzazione del nuovo distretto sanitario in un'area prossima al parcheggio pubblico, ha ora previsto nella medesima area la realizzazione di un edificio per attività socio-culturali, inserendola in fretta e furia per poter stipulare la convenzione di finanziamento con la società Terna spa".

"Il distretto sanitario è passato in secondo piano? - si domandano - La realizzazione di una Casa della Salute a Suvereto è fortemente attesa dalla popolazione e da tutte le forze sociali sia per motivi strutturali impellenti ma anche come elemento di rafforzamento dei servizi socio-sanitari territoriali, che sono stati progressivamente indeboliti se non annullati".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Lavoro

Lavoro