Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:15 METEO:PIOMBINO25°27°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Attualità mercoledì 01 aprile 2020 ore 08:58

Mascherine introvabili, ci pensano le sarte

Foto di repertorio

Sarte al lavoro e volontari attivi per la distribuzione delle mascherine fatte in casa per chi non è riuscito ad acquistarle



VALDICORNIA — In questo periodo di emergenza sanitaria, l'uso delle mascherine è molto importante. Alcune persone hanno avuto difficoltà a reperirle, così con ingegno e buona volontà c'è chi si sta dando da fare per fornirle. Così in Val di Cornia ci pensano le sarte.

A Campiglia Marittima alcune sarte sono già al lavoro e con il supporto di alcune associazioni quali Ente Valorizzazione Campiglia, Comitato Cittadino, Sei Venturinese Se e I Ragazzi del Cafaggio si provvederà alla distribuzione. Il materiale utilizzato è stato donato all’Amministrazione da Terre dell’Etruria e Unicoop Tirreno. Le mascherine sono del tipo chirurgico, riutilizzabili dopo la sanificazione da effettuare secondo le istruzioni che saranno pubblicate con un tutorial sul sito e sulla pagina facebook del Comune. Le mascherine saranno consegnate a chi ne farà richiesta tramite la mail dedicata mascherine@comune.campigliamarittima.li.it o, in alternativa, esclusivamente per chi non possiede un indirizzo di posta elettronica, chiamando il numero di telefono 0565 839240 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 11,30. Per consentire una capillare distribuzione, in questa prima fase sarà possibile consegnare al massimo due mascherine per nucleo familiare.

A Suvereto è pronta la prima sfornata di mascherine fatte in casa dalle sarte suveretane che hanno lavorato per tutta la cittadinanza con il materiale fornito dal comune. A partire da domani 31 Marzo potranno essere richieste telefonando al numero 0565 829893 dalle 9 alle 13 comunicando nome e indirizzo. Saranno consegnate a casa dalla Croce Rossa. Dal comune tengono comunque a precisare che le mascherine di protezione che verranno donate alla popolazione non possono essere considerate un presidio medico chirurgico sterile e quindi, prima di utilizzarle, si invitano gli utenti a lavarle (a mano) con prodotti che garantiscano la loro igienizzazione; sono inoltre prive di qualsiasi tipo di certificazione poiché realizzate in deroga alla normativa.

Anche a Piombino sono diverse le signore che in questi giorni si sono impegnate a confezionare delle mascherine da donare a chi ne ha bisogno e ai volontari che nel primo momento dell'emergenza sanitaria ne erano sprovvisti. I ragazzi della R3D Mate che hanno iniziato a stamparle col stampante 3D e vorrebbero distribuirle tramite farmacie e ferramenta.

Rifornimento mascherine anche a San Vincenzo. Alcune sono state donate dalla farmacia comunale altre sono state prodotte dalle sarte con il tessuto fornito dalla Farmacia Abagnale. Dal comune fanno sapere che è possibile richiederne una per famiglia ai seguenti numeri telefonici del centralino del Comune di San Vincenzo 0565 707244, della segreteria del sindaco di San Vincenzo 0565 707201 o via mail all'indirizzo covid19@comune.sanvincenzo.li.it. Le mascherine fornite non sono un presidio medico chirurgico, non sono usa e getta e si consiglia di sanificarle appena risulta umida con lavaggio delicato. Recente l'ordinanza del sindaco di San Vincenzo che rende obbligatorio l'uso della mascherina negli esercizi commerciali.

A Sassetta per il momento il sindaco ha provveduto a consegnare le mascherine offerte dalla Protezione Civile. Si trovano in comune e in tutti gli esercizi pubblici ancora aperti. Si può beneficiare di questi presidi gratuiti solo nel caso in cui si fosse sprovvisti di mascherina senza farne incetta o prenderne per terze persone.

Si ricorda, infine, che l’uso delle mascherine, di ogni tipo, non sostituisce tutte le buone pratiche igieniche e comportamentali da osservare (lavaggio frequente delle mani, non toccarsi il viso, usare gel disinfettanti quando non è possibile il lavaggio con acqua e sapone, rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro, stare in casa e uscire solo per motivi di estrema necessità) e che comunque questo dispositivo di protezione individuale è utile a ridurre ulteriormente il contagio; il suo funzionamento infatti è di filtro in uscita e impedisce che chi la indossa trasmetta il virus. In Cina e in Corea l’uso della mascherina cosiddetta chirurgica è stato usato in maniera obbligatoria da tutta la popolazione con buoni risultati.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L’analisi al microscopio, effettuata dagli operatori del Settore Mare di Piombino, ha permesso di individuare la causa di questa anomala colorazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

RIGASSIFICATORE