Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:57 METEO:PIOMBINO16°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei Atletica, Italia oro nella 4x100 maschile: la gara

Attualità sabato 25 marzo 2017 ore 19:43

Nessuna primavera per l'albero di Cecchino

Nuovo sopralluogo al famoso albero. Per gli esperti non è attaccato dalla grafiosi, ma ha esaurito il suo ciclo vitale durato oltre 200 anni



CAMPIGLIA MARITTIMA — Non finirà qui la storia dell'albero di Cecchino, anche se il sopralluogo effettuato dagli esperti venerdì 24 marzo ha purtroppo reso evidente quello che, malgrado le speranze nutrite, il gruppo di monitoraggio degli amici campigliesi dell'albero già si aspettava, il grande olmo non ce l'ha fatta, la sperata ripresa primaverile della vegetazione non è arrivata, e non c'è niente che si possa fare per rianimare il vecchio gigante. 

Dopo oltre due secoli il ciclo vitale si è interrotto e niente di più concreto della morte potrebbe provare quanto l'amato albero sia vicino ad ogni altro essere vivente nel destino che lo porta a lasciare spazio alle generazioni future consistenti negli altri olmi circostanti.

A questo punto bisogna capire come procedere perché l'albero così non può restare e i rami rischierebbero di spezzarsi. I giardinieri comunali avranno il compito di mettere in sicurezza la pianta con una potatura che conserverà la parte più antica del tronco, sui tagli verrà applicata una protezione affinché possa reggere il più a lungo possibile l'aggressione degli agenti esterni e regalare ancora un po' l'aspetto di una scultura naturale. 

Il sopralluogo è stato effettuato dal dottor Fausto Grandi che, contattato dal Comune di Campiglia, aveva effettuato i primi sopralluoghi dei mesi scorsi ed aveva quindi coinvolto il dottor Alberto Santini del CNR che è arrivato a Campiglia venerdì mattina, alla presenza di una delegazione di cui ha fatto parte Arietto Martelli grazie alla cui penna le storie paesane dell'albero di Cecchino sono state raccolte in quattro libri e sono servite anche a realizzare vari progetti di aiuto alle popolazioni del terzo mondo. 

Nelle prossime settimane, una volta potato l'albero ormai secco, si sceglierà come coltivare gli olmi più giovani che si sono sviluppati intorno e il ciclo della vita tornerà a prendere il suo corso com'è nella natura delle cose.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il 32enne di Piombino ha perso la vita nell'incidente avvenuto sull'autostrada A12 tra Carrara e Sarzana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cultura