Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:13 METEO:PIOMBINO12°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Politica mercoledì 03 febbraio 2021 ore 20:43

"Tutti i Comuni devono chiedere la fine dei tagli"

I gruppi Gruppo Psi, Lega Salvini Premier e Gruppo 2019 si uniscono alla battaglia per la difesa dell'ospedale di Piombino



CAMPIGLIA MARITTIMA — "L’ospedale di Piombino è essenziale per la nostra comunità, difenderlo è un dovere", così hanno esordito in una nota congiunta i gruppi Gruppo Psi, Lega Salvini Premier e Gruppo 2019 a una settimana dall'inizio del presidio di protesta allestito davanti all'ospedale Villamarina per richiedere risposte da Regione e Ministero sul futuro del punto nascita e del nosocomio.

"L’ospedale di Piombino è un patrimonio della Val di Cornia e tutta la Val di Cornia deve difenderlo. - hanno commentato - Lo smantellamento graduale dei servizi e dei reparti sta privando il nostro territorio di una struttura essenziale ed insostituibile, la cui esistenza e funzionalità avevamo dato per scontate". 

"Oggi tutti i Comuni devono richiedere con forza la fine dei tagli - hanno proseguito - e una nuova fase di investimenti sull’ospedale di Villamarina contrastando le spinte sempre più evidenti ad accentrare gli investimenti su Livorno, dove si prevede un nuovo ospedale a dieci minuti dal Cisanello. Una progettazione assurda e inaccettabile che, oltre a disperdere inutilmente una pioggia di milioni di euro creando due strutture dello stesso livello nello stesso territorio, toglie ogni servizio ad un territorio immenso che va da Grosseto a Livorno drenando tutte le risorse. Le Istituzioni devono lottare con ogni strumento e - in conclusione - anche attraverso la Società della Salute affinché si inverta la tendenza in atto che già troppo è costata alla Val di Cornia e a tutti gli altri territori periferici, nella consapevolezza che una cittadinanza sempre più fragile sia economicamente sia socialmente e caratterizzata da un’età media elevata, avrà sempre più bisogno di servizi di livello sul territorio".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Complessivamente sono 37 i veicoli. Per partecipare all’asta gli interessati devono inviare un’offerta entro il 5 Novembre 2021
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Politica

Lavoro