Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO19°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Lavoro martedì 29 giugno 2021 ore 07:00

Lavoratori dei servizi pubblici in sciopero

I sindacati hanno indetto uno sciopero preoccupato per la esternalizzazione dei servizi che metterebbe a rischio tutele e posti di lavoro



LIVORNO — Mercoledì 30 Giugno è stato proclamato uno sciopero generale dei lavoratori dei servizi pubblici.

Lo hanno reso noto Fp-Cgil, Filctem-Cgil, Flaei-Cisl, Fit-Cisl, Femca-Cisl, Uiltrasporti, Uiltec e Fiadel in una nota congiunta.

Come spiegano i sindacati  "i lavoratori dei servizi pubblici essenziali di igiene ambientale, del settore elettrico e della distribuzione gas e acqua sciopereranno per l'intera giornata lavorativa e dalle 10 alle 13 effettueranno un presidio di protesta davanti alla Prefettura di Livorno."

"Il 30 Giugno è stato infatti indetto lo sciopero generale a livello nazionale di tutti i lavoratori del settore per protestare contro gli effetti dell'articolo 117 del Codice degli appalti: - proseguono i sindacati - la norma entrerà in vigore in maniera effettiva a fine anno e ciò potrebbe mettere a rischio migliaia di posti di lavoro nel settore dei servizi ambientali e avviare una stagione della frammentazione del comparto".


I sindacati aggiungono che "l'articolo 117 obbligherà infatti le aziende concessionarie dei servizi ad esternalizzare l’80% di tutte le attività anche nei casi in cui le stesse vengano svolte direttamente dal proprio personale, mettendo perciò a rischio un servizio essenziale per le comunità locali. La norma avrà un pesante impatto negativo: essa obbliga infatti le aziende a spezzettare rapidamente il servizio con gare al ribasso, con tutto ciò che ne potrebbe conseguire in termini di applicazione di contratti non di settore e di perdite di posti di lavoro".


"La concorrenza dev'essere regolamentata, migliorando le tutele per i lavoratori e incentivando le aggregazioni e lo sviluppo industriale di aziende pubbliche e private. Serve perciò un intervento urgente di governo e Parlamento: il settore non può essere destrutturato", concludono i sindacati.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'azienda: "Impegnati a rimanere sul territorio. Attivato un canale con il Mise". Il sindaco pensa al recupero delle aree dismesse
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro