comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°27° 
Domani 22°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, in arrivo nuove disposizioni in vigore dal 14 luglio

Attualità sabato 11 aprile 2015 ore 19:04

Il modello Piombino esempio in Toscana

Il presidente Rossi ha citato Piombino come esempio di investimenti stranieri in Toscana: Cevital e General Electric sono due su 420 aziende estere



FIRENZE — Ricercare potenziali investitori internazionali; facilitare e accompagnare gli investimenti esteri in Toscana nell'ambito di politiche, nazionali e regionali, che favoriscano l'insediamento di nuovi investitori sia industriali che istituzionali: questi gli scopi di una intesa sottoscritta a Firenze tra il presidente Enrico Rossi, il viceministro Carlo Calenda e Andrea Napoletano in rappresentanza, rispettivamente, di Regione Toscana, Ministero dello Sviluppo Economico e ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane. 

"Fra le Regioni italiane, la Toscana è la prima a firmare un'intesa del genere e il nostro - sottolinea il presidente Enrico Rossi - è un autentico, riconosciuto, modello di governance interistituzionale, un laboratorio estendibile anche ad altre Regioni interessate a investire in questo tipo di azioni".

"La Toscana - prosegue Rossi - ha ottenuto un prestigioso riconoscimento dal Financial Times, come migliore regione del sud Europa per la strategia sugli investimenti esteri nel biennio 2014/2015".

Fra gli esempi di multinazionali presenti in Toscana, Rossi cita la giapponese Yanmar (che ha aperto - a Firenze e non a Parigi - il proprio centro europeo di ricerca sui motori) e l'americana Powerone (che ha stabilito vicino ad Arezzo un centro di ricerca per le energie rinnovabili); la tedesca Dialog Semiconductor (con un centro ricerca e design di seminconduttori a Livorno) e l'algerina Cevital (che ha rilevato la ex Lucchini per dar vita a una attività agroalimentare e a un centro logistico). Inoltre: la General Electric che ha consolidato la sua presenza a Firenze e Massa creando un unico centro logistico a Colles alvetti e annunciato un importante progetto su Piombino; la francese Mcphy che produce pile e idrogeno e ha deciso di investire a Ponsacco, Eli Lilly nella farmaceutica, Corporation America nel polo aeroportuale, Laika, Thales, Continental, Ikea, Whirpool, Gucci, Kedrion, Masol, Lionstone ...

Sono oltre 420, in Toscana, le imprese estere attive: con oltre 35 mile dipendenti diretti e più di 15 miliardi di fatturato, vengono soprattutto da Nord America, Unione Europea e Giappone ma stanno arrivando anche da Cina, Sud-America e Nord-Africa. Su 95 "manifestazioni di interesse" dal 2011 alla fine del 2014, sono 44 quelle che si sono tradotte in investimenti: per un valore di 1,55 miliardi con 3.352 posti di lavori cui si deve aggiungere un indotto stimabile con un più 3% di occupazione aggiuntiva nelle imprese interessate.

E' dalla fine del 2010 che, in Regione Toscana, presso la presidenza, è stato costituito un ufficio ad hoc per collaborare, insieme a Toscana Promozione, nell'attrazione e accompagnamento di investitori stranieri: 20 i protocolli d'intesa e 3 gli accordi di programma firmati.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Attualità

Politica