Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:19 METEO:PIOMBINO19°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il fiore cadavere di 8 anni sboccia per la prima volta: il timelapse del raro evento

Sport lunedì 20 marzo 2023 ore 10:24

Piombino sconfitto a Grosseto, pareggio Juniores

Piombino abulico sconfitto (4-3) da un coriaceo Invictasauro. Pareggio degli Juniores a Livorno contro il Picchi (1-1). Il commento di Gordiano Lupi



PIOMBINO — Giornata nera come il cielo plumbeo d’una Grosseto sferzata dal gelido libeccio, pochi spettatori, alcuni di Piombino, purtroppo mancano gli Ultras con i loro cori e il caldo incitamento. Via Adda e il suo bel manto erboso semi sintetico che non fa una piega, qui si gioca bene e vince quasi sempre il migliore, non esiste fattore campo. Brontolone deve fare a meno di Politi, infortunato, e la difesa (rimaneggiata) risente di un’assenza importante, quindi rinuncia (per scelta) a Barchi (in panchina) e il centrocampo (evanescente) soffre questa decisione tecnica. Il Piombino scende in campo con Fiaschi tra i pali, Carelli e Pagni sulle fasce, Castellazzi e Martelli centrali, Bartolini e Biondi a centrocampo, Gargini e Paggini trequartisti, Paini e Mori attaccanti. Tutto pare cominciare sotto i migliori auspici, quando Paini (al 2’ minuto di gioco) viene atterrato in piena area di rigore e Mori trasforma con freddezza il giusto penalty concesso dall’arbitro. Purtroppo il Piombino dopo essere andato in vantaggio si spegne, pare quasi aver paura di vincere, arretra il baricentro sempre di più, scompare a centrocampo e lascia l’iniziativa nelle mani dei grossetani che giocano con grinta e determinazione. Il pareggio non si fa attendere, dopo un gran tiro di Angelini parato da Fiaschi, arriva il gol con un tiro al volo di Scalabrelli, imparabile. L’Invictasauro preme sempre di più, colleziona calci d’angolo a non finire, il Piombino subisce, la difesa barcolla più volte, non dimostrando sicurezza. Nonostante la pressione locale, i nerazzurri provano a uscire dalla loro area con sporadiche incursioni che fruttano un calcio di punizione sparato alto da Paggini (33’) e un tiro che finisce a lato di Gargini (35’). Al 43’ una colossale indecisione del nostro reparto difensivo - oggi molto carente - libera Berti davanti a Fiaschi che raddoppia. Si confida nel secondo tempo, nella ramanzina del mister, soprattutto in alcuni essenziali (quasi vitali) cambi nel reparto di centrocampo - dove Gargini fa molta fatica - e in difesa,dove Pagni pare l’ombra del calciatore che conosciamo. Tutto prosegue come nella prima parte della gara. Al 10’ la più classica delle autoreti (opera di uno sfortunato Pagni) corregge in gol una punizione di Angelini. L’Invictasauro continua a premere di fronte a un Piombino rinunciatario e abulico, davvero mai in partita, sempre in ritardo sulle azioni, sempre anticipato, mai preciso in fase di costruzione del gioco. A questo punto Brontolone decide di far entrare Barchi al posto di Pagni(troppo tardi) e Papa per Gargini. Non pare azzeccato il secondo cambio, anche se Papa è un uomo - spogliatoio importante, questa non sembra proprio la sua partita. Al 16’ Angelini segna il quarto gol che pare spalancare le porte a una goleada ancor più pesante a vantaggio dei verdi maremmani. E invece un’impennata (tardiva) d’orgoglio porta al gol di Mori (20’) ben servito da Barchi e a una grande occasione fallita dallo stesso Mori che - da buona posizione - si fa parare una conclusione a rete dall’esperto portiere locale. Al 20’ entra Scuglia al posto di Paini (che nel grigiore generale non ha demeritato), al 33’ Turco rileva Carelli (non al meglio), ma non si segnalano altre occasioni, se non del Sauro che va più volte vicino al gol nei minuti finali, mentre il Piombino si fa vedere con un calcio di punizione di Paggini che finisce alto e un altro tiro da fermo di Turco parato dal portiere. Mori ha il tempo di segnare il terzo gol personale (che si vuole di più da un attaccante?), al 49’ (quarto dei cinque minuti di recupero concessi) su calcio di rigore (generoso) elargito dal pessimo (che novità!) arbitro Ferri Gori di Arezzo. Ma il tempo, purtoppo, è scaduto. Il risultato di oggi compromette non poco le speranze di salvezza diretta dei nerazzurri, adesso quintultimi, sopravanzati di due punti da un Invictasauro che ha meritato di vincere. Tra l’altro cominciano ad arrivare risultati strani, come un Cecina sconfitto a San Miniato (!), che non aiutano a ben sperare. Prossimo turno a Collesalvetti contro l’Atletico Etruria, penultimo, che vuole evitare la retrocessione diretta (ultimo posto), partita successiva al Magona contro il Ponsacco, oggi ultimo, ma che ancora può sperare di partecipare ai play-out. Insomma, una bagarre. E in una situazione simile serve un Piombino diverso da quello visto oggi in campo.

Gli Juniores sabato hanno pareggiato a Livorno contro il Picchi (1 a 1), con gol di Brizi, mantenendo il primo posto in classifica, pure loro sono attesi a una prova d’orgoglio mercoledì pomeriggio al Magona, ore 15 e 30, contro il Fornacette, che è secondo in classifica e segue i nerazzurri di soli due punti.

In bocca al lupo alle nostre squadre! Mai come adesso i ragazzi hanno bisogno del sostegno del pubblico.

Piombino Pagelle

Fiaschi (6): nessuna responsabilità sulle reti, è apparso meno sicuro del solito sulle uscite e in difficoltà nel rapporto con i difensori. Carelli (5): non in partita, fatica molto contro il diretto avversario e in fase di costruzione. Pagni (4): l’ombra di se stesso, non è il calciatore che conosciamo. Bartolini (5): perde troppi palloni in fase di costruzione. Castellazzi (5): pure lui mai visto male come oggi. Martelli (5): non ha la sicurezza di sempre, troppe incertezze. Paini (7): si muove bene, guadagna un rigore, un calcio di punizione, corre come un matto dietro a ogni pallone. Biondi (5): oggi davvero ne azzecca proprio poche!. Gargini (4): mai in partita. Paggini (6): grintoso e determinato, uno dei pochi che sembra voler vendere cara la pelle. Mori (8): un attaccante vero, segna tre reti, adesso con tredici gol è capocannoniere, bravo!. Barchi (7): quando entra la musica a centrocampo cambia, ma è troppo tardi. Papa (5): immobile, pur con tutta la sua esperienza, non è mai nel gioco. Scuglia (n.g.): gioca troppo poco per valutare. Turco (6): gioca poco, ma si fa vedere, s’impegna, è attivo. Allenatore Brontolone (5): il tecnico non si discute, è bravo e preparato, ma oggi non mi hanno convinto alcune sue scelte tecniche.

Arbitro: Ferri Gori di Arezzo (4): forse il peggior arbitro visto in Promozione, come cantava De André sono questi davvero i migliori che abbiamo? Assistenti Lagana e Reali (5), pure loro mai in sintonia con l’arbitro, spesso non in linea, distratti, imprecisi. Non determinanti sul risultato. Il Piombino perde per proprio demerito.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
​La condanna riguarda 4 dei 10 casi di morti sospette avvenute nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Piombino fra il 2014 e il 2015
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

RIGASSIFICATORE

Attualità

Attualità

Lavoro