Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:PIOMBINO13°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Joe Biden: «Donald Trump è un dittatore, vuole vendetta»

Lavoro mercoledì 31 gennaio 2024 ore 15:53

Quale equilibrio tra Jsw e Metinvest-Danieli

Preoccupazione da parte di Fim, Fiom e Uilm per il dilatarsi dei tempi e l’ipotesi di un doppio forno elettrico



PIOMBINO — “Dopo la firma del protocollo di intesa Governo Metinvest per l’investimento sullo stabilimento di Piombino è quantomai urgente sbloccare la trattativa per la definizione del protocollo d'Intesa tra Governo e Jindal”.

A evidenziarlo è Fim, Fiom e Uilm preoccupati per il dilatarsi dei tempi che “fanno crescere un senso di preoccupazione per lo stallo che temiamo si venga a determinare a causa della richiesta da parte di Jsw di inserire nel protocollo di intesa la realizzazione di un forno elettrico, un doppione di quello che vorrebbe realizzare Metinvest”.

“Quello che appare come una rischiosa partita a scacchi, per consolidare posizioni di rendita, rischia di compromettere significativamente l'opportunità degli investimenti annunciati da Metinvest-Danieli. - hanno proseguito - Le condizioni favorevoli per l’investimento a Piombino del gruppo Ucraino, che si sono concretizzate in quest’ultimi mesi, potrebbero non durare all’infinito, visti anche i notevoli appetiti di altri siti industriali e di altri territori che legittimamente cercano soluzioni. Come Fim-Fiom-Uilm siamo stati i primi a pretendere che il Governo imponesse alla multinazionale indiana, a fronte dell’importante contratto rotaie, l’investimento perché si tornasse a produrre acciaio, e quindi alla realizzazione di un forno elettrico. Ma il contesto, con l’arrivo del gruppo Italo Ucraino è cambiato notevolmente e quella richiesta rischia di essere solo un pretesto per ottenere vantaggi da parte del gruppo indiano in termini di superfici, assets. La nostra richiesta, di realizzare un'acciaieria elettrica da parte di Jsw, a suo tempo era giustificata dal fatto che esistevano impianti barre e vergella che potevano utilizzare immediatamente l’acciaio prodotto a Piombino per rendere nuovamente competitivi quegli impianti, mentre oggi quegli impianti risulta che verranno smontati per consentire a Metinvest di fare gli investimenti.
Contestualmente siamo di fronte al fatto che il forno elettrico preteso da Jindal, nell’immediato non potrá essere utilizzato per produrre semi-prodotto per le rotaie senza una adeguata certificazione e rimodulazione del contratto con Rfi. Peraltro siamo fermamente convinti che l’interesse della multinazionale indiana sia di produrre direttamente nel suo paese fuori dal perimetro di crisi internazionale, in un quadro normativo ambientale, sociale e fiscalmente più vantaggioso. Quindi quella richiesta di inserire nel protocollo di intesa il forno elettrico semmai hai il sapore di ottenere vantaggi di posizione e contestualmente irrigidire l’amministrazione comunale che dovrebbe avallare l’ipotesi di avere due forni elettrici nel perimetro comunale, inasprire una competizione politica che ormai è alle porte e inimicare una città che ha la legittima aspirazione di migliorare le proprie condizioni ambientali”.

Dunque, per tutte queste ragioni i sindacati invitano il Governo e Istituzioni locali a far squadra per superare gli ostacoli e convocare le parti sociali per un’analisi compiuta dei due progetti industriali, per individuare le soluzioni per salvaguardare tutti i lavoratori e a concludere con successo la definizione degli accordi di programma per garantire benefici duraturi per l'interesse pubblico e l'economia del Paese, dei lavoratori e della città.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dovrà scontare quasi 9 anni di detenzione il 34enne originario dell'Est Europa ricercato per una serie di reati commessi tra il 2011 e il 2021
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Lavoro

Attualità