comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 18°21° 
Domani 18°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 27 maggio 2020
corriere tv
Cambia il modo di volare, ecco come si entra da oggi all'aeroporto di Roma Fiumicino

Attualità lunedì 21 agosto 2017 ore 09:27

L'addendum, Jindal e quella richiesta di Rebrab

Acciaio e occupazione, erano questi i punti fermi che avrebbero dovuto salvare il polo siderurgico piombinese. Ora tutti i nodi vengono al pettine



PIOMBINO — Gli affari di Rebrab sembrano scricchiolare anche in Brasile. La notizia è stata battuta dagli organi di informazione locali e riguarda proprio l’intenzione dell’algerino di trasferire l’altoforno per l’insediamento industriale. A questo si aggiungerebbe la notizia, riportata dal quotidiano Il Tirreno, della richiesta da parte di Issad Rebrab a Jindal, sul quale aleggerebbe un interesse per il polo piombinese (leggi gli articoli correlati), di 170 milioni di euro. Soldi che l’algerino avrebbe speso fino a oggi e che farebbero parte di una più ambia trattativa legata alle sorti dell’acciaieria.

Ad agosto quasi concluso, inoltre, è possibile appurare che la prima scadenza dell’addendum non è stata rispettata. Le stesse Rsu, in una nota, avevano espresso tutti i loro dubbi dal momento che per il treno rotaie non ci sono stati cenni di ripartenza (leggi l’articolo correlato) e tantomeno sull’arrivo dei semiprodotti. Novità in questo senso potrebbero arrivare durante la settimana, gli stessi sindacati si erano impegnati a chiedere aggiornamenti per scongiurare una “partenza di facciata”.

Se l’addendum, con le sue scadenze e i nuovi step, aveva dato l’idea di una nuovo punto e capo per il futuro del polo piombinese, adesso gli animi sono sempre più titubanti tanto che le Rsu Aferpi e Piombino Logistics chiederanno una convocazione al Ministero dello Sviluppo economico per sciogliere i dubbi, prima di tutto su produzioni e partnership.

Per la Fiom, infine, stando a un post diffuso su Facebook, non si dovrebbero perdere di vista due obiettivi per loro fondamentali: produzione di acciaio e occupazione.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità