Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:41 METEO:PIOMBINO10°13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 28 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Centrodestra ha tentato di dividerci, ho sbagliato a fidarmi»

Attualità lunedì 21 agosto 2017 ore 09:27

L'addendum, Jindal e quella richiesta di Rebrab

Acciaio e occupazione, erano questi i punti fermi che avrebbero dovuto salvare il polo siderurgico piombinese. Ora tutti i nodi vengono al pettine



PIOMBINO — Gli affari di Rebrab sembrano scricchiolare anche in Brasile. La notizia è stata battuta dagli organi di informazione locali e riguarda proprio l’intenzione dell’algerino di trasferire l’altoforno per l’insediamento industriale. A questo si aggiungerebbe la notizia, riportata dal quotidiano Il Tirreno, della richiesta da parte di Issad Rebrab a Jindal, sul quale aleggerebbe un interesse per il polo piombinese (leggi gli articoli correlati), di 170 milioni di euro. Soldi che l’algerino avrebbe speso fino a oggi e che farebbero parte di una più ambia trattativa legata alle sorti dell’acciaieria.

Ad agosto quasi concluso, inoltre, è possibile appurare che la prima scadenza dell’addendum non è stata rispettata. Le stesse Rsu, in una nota, avevano espresso tutti i loro dubbi dal momento che per il treno rotaie non ci sono stati cenni di ripartenza (leggi l’articolo correlato) e tantomeno sull’arrivo dei semiprodotti. Novità in questo senso potrebbero arrivare durante la settimana, gli stessi sindacati si erano impegnati a chiedere aggiornamenti per scongiurare una “partenza di facciata”.

Se l’addendum, con le sue scadenze e i nuovi step, aveva dato l’idea di una nuovo punto e capo per il futuro del polo piombinese, adesso gli animi sono sempre più titubanti tanto che le Rsu Aferpi e Piombino Logistics chiederanno una convocazione al Ministero dello Sviluppo economico per sciogliere i dubbi, prima di tutto su produzioni e partnership.

Per la Fiom, infine, stando a un post diffuso su Facebook, non si dovrebbero perdere di vista due obiettivi per loro fondamentali: produzione di acciaio e occupazione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In Toscana i nuovi casi registrati sono 10.535 su 65.769 test. Ecco la mappa dei contagi tra Bassa Val di Cecina e Val di Cornia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità