QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°15° 
Domani 14°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 06 dicembre 2019

Politica venerdì 20 aprile 2018 ore 14:55

"Se non ci riesce il privato intervenga lo Stato"

Enrico Rossi

Lo ha detto il presidente Enrico Rossi che ha aggiunto: "Salvini, che si candida a fare il presidente del Consiglio, dia subito una risposta"



PIOMBINO — Il piano di Jindal per il futuro dell'acciaieria piombinese stenta a concretizzarsi. Dopo la riunione tecnica che si è svolta in municipio a Piombino nei giorni scorsi, nella giornata di ieri si è tenuto un nuovo summit al Ministero dello Sviluppo economico anche se non sembrerebbero esserci ulteriori passi avanti. 

"Tutto mi separa da Salvini tranne una cosa: se non ci riesce il privato a rimettere in moto una produzione adeguata penso che se ne dovrebbe occupare lo Stato", così ha detto il presidente delle Regione Toscana Enrico Rossi rispondendo alle domande dei giornalisti su possibili sviluppi della vicenda Aferpi.

"Salvini, che si candida adesso a fare il presidente del Consiglio, dia subito una risposta e faccia intervenire lo Stato, - ha aggiunto Rossi - nazionalizzi e assicuri tutti i lavoratori che ci sarà produzione, lavoro e occupazione per tutti. Sarei molto favorevole a questa ipotesi". 

Rossi ha spiegato di non aver avuto ancora "nessuna comunicazione ufficiale da parte di Jindal" e di non avere "nessun elemento per dire che le cose vadano in un senso o nell'altro. Per ora la rassicurazione che abbiamo avuto da Jindal è che sarebbe ripresa la produzione, portando blumi dall'India, e che, poi, in futuro si sarebbe proceduto, in tempi anche molto ravvicinati, alla costruzione di un impianto per la produzione di acciaio".



Tag

Otto e mezzo, Santori contro Sallusti: "Ha gli occhi foderati di prosciutto"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca