Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Frecce Tricolori, il video delle spettacolari evoluzioni sulle note di «Nessun Dorma»

Attualità sabato 03 luglio 2021 ore 12:07

"No all'edilizia turistica alla Sterpaia"

Rifondazione rilancia l'appello rivolto a Regione Toscana e Ministero della Cultura contro le previsioni contenute nel Piano strutturale intercomunale



PIOMBINO — "No all'edilizia turistica alla Sterpaia", lo dice a chiare lettere il Partito di Rifondazione Comunista evidenziando le previsioni contenute nel Piano strutturale intercomunale firmato dal Comune di Piombino e da quello di Campiglia. Nel documento viene presentato un progetto di edilizia turistica nel Parco della Sterpaia: un villaggio turistico di 3.700 metri quadrati, dotato di 100 posti letto, e relativi servizi balneari.

"A distanza di anni dalla campale battaglia del Comune di Piombino, al quale, primo in Italia, venne riconosciuto nel 1993 dal Consiglio di Stato il merito di 'aver condotto una lotta senza quartiere all'abusivismo', - hanno commentato da Rifondazione comunista - la nuova amministrazione piombinese, con la complicità di Campiglia Marittima, inverte la tendenza, permettendo un'edificazione inutile e dannosa in mezzo al parco. Il villaggio andrebbe ad aggiungersi a quelli già esistenti, aumentando il peso antropico in un'area che già oggi è presa d'assalto da turisti e strutture".

"Dato che la nuova Amministrazione ha vinto le elezioni comunali professandosi ambientalista, ci chiediamo dov'è finito questo sbandierato amore per l'ambiente e per Piombino, forse era tutta propaganda? 3.700 metri quadrati di campeggio nel cuore di un parco sono una risposta eloquente. Solo Rifondazione e il Movimento 5 Stelle nei quartieri e in Comune si sono opposti a questo scempio, sostenuto compattamente dalla maggioranza di destra e avallato dall'astensione del Pd, segno che la continuità esiste davvero".

L'invito è di aderire all'appello per difendere la Sterpaia, mandando nome, cognome e luogo di residenza alla mail appellosterpaia@gmail.com.

L'appello mira a raggiungere Ministero della Cultura e alla Regione Toscana per chiedere di "recedere dalla previsione di un dannoso insediamento turistico ricettivo nelle aree pubbliche del parco naturale della Sterpaia". 

Tra i primi firmatari Salvatore Settis, archeologo e storico dell’arte, già direttore della Scuola Normale di Pisa, Anna Marson, urbanista Università Iuav Venezia, Vezio De Lucia, urbanista, Giuliano Volpe, archeologo Università di Bari, Rossano Pazzagli, storico Università del Molise, Franco Cambi, archeologo Università di Siena, Piero Bevilacqua, storico Università di Roma La Sapienza, Marco Marchetti, forestale Università del Molise, Ilaria Agostini, urbanista Università di Bologna, e Claudio Greppi, geografo Università di Siena.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un'allerta meteo con codice giallo per la costa e le isole dell’Arcipelago toscano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca