Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:PIOMBINO16°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

RIGASSIFICATORE sabato 18 febbraio 2023 ore 14:50

Blitz no gas, "atti vandalici falso ambientalismo"

Appello per il lavoro e lo sviluppo a Piombino: "Non esiste un interruttore da premere per passare dall’uso dei combustibili fossili alle rinnovabili"



PIOMBINO — A commentare l'imbrattamento di palazzo Pegaso avvenuto nei giorni scorsi per mano di attivisti di Ultima Generazione, è il gruppo dei firmatari dell'Appello per il lavoro e lo sviluppo a Piombino. Non è mancato la solidarietà al Consiglio regionale e al presidente, condannando il gesto che niente hanno a che vedere con la tutela dell’ambiente.

"Riteniamo il compimento di questi atti vandalici inaccettabile, a maggior ragione quando colpiscono luoghi simbolici della cultura democratica della nostra Regione come il Palazzo del Pegaso, sede del Consiglio regionale della Toscana a Firenze. Si tratta di atti da condannare senza esitazione, a maggior ragione in quanto rappresentativi di una falsa cultura ambientalista, profondamente demagogica e farneticante. - hanno commentato - Nessuno mette in dubbio la necessità di percorrere la strada verso forme di produzione di energia da fonti rinnovabili, ma si tratta di una transizione, di un percorso appunto, che ha bisogno di tempo e di perfezionamenti tecnologici che, ad oggi, non sono del tutto disponibili, oltre che di una maggiore competenza, serietà e coerenza nel dibattito pubblico. Infatti, giova ricordare che anche la geotermia e l’idroelettrico sono fonti rinnovabili, ma è, altresì nota a tutti, la ferrea opposizione dei comitati ambientalisti che lo sviluppo di impianti di questa natura genera". 

"Peraltro, a livello locale, è sufficiente ricordare le infinite polemiche e l’opposizione sul territorio del comune di Piombino, per l’installazione di 6 pale eoliche o del recente impianto agrivoltaico in bocca di Cornia. - hanno evidenziato - La consapevolezza è che, in processi di questa natura, non esiste uno swich off, un interruttore da premere per passare dall’uso dei combustibili fossili alle rinnovabili, ma ci sono percorsi di transizione da fare con serietà e intelligenza, ed in questo ambito sarà il gas la fonte fossile che ci dovrà accompagnare, in quanto a minor impatto ambientale rispetto all’olio combustibile o al carbone. Infine, per l’approvvigionamento del gas, crediamo, dopo gli eventi di quest’ultimo anno, sia chiaro a tutti cosa significa legarsi ad un fornitore prevalente attraverso un gasdotto fornendo così una micidiale arma di ricatto (Russia docet); errore che, come nazione, rischiamo di ripetere con l’Algeria".

"In questo ambito, potrà non piacere, ma sono i rigassificatori che consentono un maggiore margine di manovra, dando la possibilità di acquistare il gas da qualsiasi fornitore, senza vincoli strutturali", hanno concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per sfuggire ai controlli dei carabinieri hanno prima dato in escandescenza per poi scappare nelle campagne circostanti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità