Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO21°26°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 21 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Plastica monouso: perché lo stop dell'Ue a quella biodegradabile colpisce solo l'Italia

Attualità venerdì 11 giugno 2021 ore 17:01

Bonifiche, "abbiamo scritto a Ministero e Regione"

La sentenza del Consiglio di Stato ha individuato le responsabilità ma non indica il grado di ripartizione delle colpe e le somme da versare



PIOMBINO — "Sulla questione bonifiche, la recente pronuncia del Consiglio di Stato che individua chiaramente la responsabilità di Fintecna e Lucchini in amministrazione straordinaria può essere uno strumento fondamentale per avviare quelle opere di messa in sicurezza ambientale che questa città attende da troppo tempo".

Così il sindaco di Piombino Francesco Ferrari è intervenuto sulla vicenda.

"Fino ad oggi, - ha aggiunto - spesso la battaglia è stata associata alle risorse attivabili col Recovery Fund; risorse che potrebbero essere utilizzate per le opere nell’area adiacente lo stabilimento siderurgico. Si tratta di un cammino complesso, cui questa Amministrazione sta dando un convinto contributo. Ecco che allora, nell’attesa che questo impegno possa dare i frutti sperati, l’occasione della sentenza del 7 Maggio non può e non deve essere persa: il Cds si è pronunciato in ordine ad un contenzioso che vedeva coinvolti il Ministero dell’Ambiente e la Regione Toscana, nonché la società Fintecna Spa e la società Lucchini in amministrazione straordinaria. Con questa pronuncia i giudici amministrativi hanno riconosciuto la legittimità degli atti all’epoca impugnati dai soggetti privati, atti con cui la Regione Toscana li individuava come responsabili dell’inquinamento dello stabilimento Lucchini di Piombino".

"La sentenza però - ha spiegato il sindaco Ferrari - non indica il grado di responsabilità di quell’inquinamento: per questo motivo abbiamo sollecitato attraverso comunicazione scritta la Regione Toscana e il Ministero dell’Ambiente perché si attivino velocemente per individuare la ripartizione delle colpe e dunque le somme che dovranno versare, risorse indispensabili per poter avviare parte di quelle bonifiche di cui il territorio ha bisogno".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Firmata l'ordinanza a Campiglia Marittima che stabilisce una serie di regole e divieti per tutelare questa preziosa risorsa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

STOP DEGRADO

STOP DEGRADO

Attualità

Attualità