QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°20° 
Domani 17°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 19 ottobre 2019

Lavoro venerdì 23 marzo 2018 ore 14:44

Camping Cig, una lettera a ministro e parlamentari

Da quell'incontro al Phalesia con il ministro, il coordinamento Camping Cig vuole riprende in mano il bandolo della matassa per la fabbrica



PIOMBINO — Il Coordinamento Art.1 - Camping Cig ha scritto due lettere aperte, una rivolta al ministro Carlo Calendo e una ai parlamentari eletti per riprendere le fila del discorso sulla questione dello stabilimento siderurgico piombinese.

Al ministro hanno ricordato quell'incontro con i lavoratori del coordinamento alle porte del Phalesia, quando - ricordano - "assicurò pubblicamente più volte che, nel momento in cui sarà presentato il piano industriale e finanziario di Jindal per le acciaierie ex-Lucchini, sarebbe tornato a Piombino prima di qualsiasi decisione in merito a tale piano, per un incontro pubblico con i lavoratori e la cittadinanza, oltre che con le istituzioni e i sindacati". 

Da allora, però, non ci sono state divulgate sostanziali novità se non quelle legate all'inizio della due diligence e dei sopralluoghi dei tecnici in fabbrica.

"Ciò non significa affatto, però, che l’ingresso di Jindal sia scontato: a maggior ragione, le domandiamo quindi, anche in questa seconda ipotesi, di confermare oggi l’impegno assunto un mese fa. - hanno ribadito - Lo facciamo anche perché non abbiamo più avuto sue notizie neppure a proposito di un altro impegno che lei si era preso in quell’occasione, quello di rispondere alle nostre domande".

Più leggeri i toni della lettere che è stata indirizzata ai neo parlamentari toscani per sensibilizzarli ai problemi ancora irrisolti della Val di Cornia.



Tag

Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità