Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:52 METEO:PIOMBINO13°17°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 29 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanità, la classifica dei 250 migliori ospedali al mondo di Newsweek: Roma batte Milano

Attualità venerdì 13 gennaio 2023 ore 14:09

Più infermieri di famiglia nelle Valli Etrusche

Foto di repertorio

Viene raggiunto un nuovo bacino di utenza di oltre 100mila persone che si aggiungono ai circa 25mila già interessati



PIOMBINO — Nelle settimane scorse il servizio dell’infermiere di famiglia e di comunità assicurato dall’Azienda Usl Toscana nord ovest nelle Valli Etrusche è stato ampliato interessando i comuni di Cecina, Piombino, Rosignano Marittimo, Castagneto Carducci, Bibbona, Casale Marittimo, Riparbella, Montescudaio, Castellina Marittima e Santa Luce.

Il nuovo modello nasce per avvicinare sempre di più la risposta sanitaria al domicilio del paziente così da aiutare i cittadini all’accesso più appropriato dei servizi sanitari e sociosanitari territoriali. L’infermiere di famiglia e di comunità aiuterà le persone ad orientarsi nella complessa rete dei servizi territoriali facilitandone l’accesso e la continuità assistenziale e sarà condotto in stretta integrazione con il medico di medicina generale e con gli altri professionisti della salute che operano nella rete territoriale.

“Con l’ampliamento del servizio – ha spiegato Laura Brizzi, direttore della Società della Salute Valli Etrusche - viene raggiunto un nuovo bacino di utenza di oltre 100mila persone che si aggiungono ai circa 25mila già interessati nei Comuni di Guardistallo, Monteverdi Marittimo, Sassetta, San Vincenzo e Campiglia Marittima che hanno iniziato ad usufruire del servizio nei mesi precedenti. L’assistenza infermieristica territoriale fa parte di un sistema fortemente integrato con la medicina generale e la scelta del nuovo modello è frutto della volontà di garantire risposte adeguate, appropriatezza clinico organizzativa e soprattutto competenze multidisciplinari messe al servizio dei cittadini nei momenti di loro maggiore fragilità, tenendo conto del fabbisogno quotidiano degli assistiti all’interno di uno scenario sociale e familiare sempre più complesso”.

Il nuovo modello, nel rispetto della territorialità e della prossimità, prevede che ad ogni infermiere sia affidato un gruppo di popolazione identificato geograficamente e quindi, ciascun assistito o familiare potrà contare sulla presenza dell’infermiere di famiglia e comunità di riferimento.

“Questa nuova modalità di organizzare l’assistenza infermieristica nel territorio voluta dalla Regione Toscana con la delibera 597 del 4 giugno 2018 – ha proseguito Roberto Giuliani, Dirigente delle Professioni Infermieristiche per le Valli Etrusche - è centrata sulla persona e sulla famiglia nella lettura della globalità dei loro bisogni, individuando nell’ambito domiciliare il contesto preferenziale in cui perseguire gli obiettivi di salute dei singoli e delle famiglie. Il personale dedicato all’infermieristica di famiglia e di comunità raggiunge cosi il numero di 37 infermieri”.

“L’estensione del servizio d'infermieristica di famiglia – ha commentato Sandra Scarpellini, Presidente della Società della Salute Valli Etrusche  è un tassello in più per consolidare l’offerta socio sanitaria dei nostri comuni, nella convinzione che l’attenzione alla sanità territoriale sia imprescindibile per dare risposte al benessere e alla salute dei cittadini, quando la sanità ospedaliera è in evidente affanno. Prendersi cura delle persone, cercando soluzioni integrate ai loro bisogni sociali e di salute, nel luogo in cui vivono, attraverso le figure professionali che lavorano nelle case della salute è la strada che percorriamo. L’implementazione già fatta degli assistenti sociali e il progetto con gli infermieri di famiglia va in questa direzione. Fondamentale è adesso il monitoraggio del progetto, attraverso il confronto con i professionisti coinvolti e con i cittadini fruitori, per dare le risposte più appropriate ai bisogni”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Rifondazione e M5s: "Non crediamo a apparentamenti trasversali o a liste che si spogliano dei simboli partitici mascherandosi dietro al civismo”
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità