Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO22°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Attualità mercoledì 15 settembre 2021 ore 17:01

"Chiediamo nuovamente all'Asl un biomonitoraggio"

Piombino

La richiesta a seguito dei dati contenuti nel rapporto del Coordinamento regionale ambiente e salute (Coreas)



PIOMBINO — Il sindaco di Piombino Francesco Ferrari ha evidenziato i dati raccolti nel rapporto del Coordinamento regionale ambiente e salute (Coreas) sullo stato di saluto nei 4 Sin di bonifica

"Il rapporto registra nel nostro territorio un’incidenza sensibilmente superiore di una vasta gamma di patologie rispetto ad altre zone prese in considerazione. Tale circostanza conferma la necessità impellente per la città di un aggiornamento del profilo di salute della popolazione di Piombino e del completamento del Registro tumori. - ha sottolineato Ferrari - In data 14 Luglio 2021 avevamo avanzato formale richiesta al fine di sviluppare specifici studi sullo stato di salute della popolazione della città che rappresentiamo, senza purtroppo ricevere risposte. Alla luce dei dati emersi dal recente rapporto Coreas, abbiamo rinnovato la richiesta all’Azienda Sanitaria, chiedendo altresì di attivare un biomonitoraggio degli inquinanti presenti nella popolazione, con particolare attenzione alle fasce più deboli e cioè bambini, donne gravide, affetti da patologie croniche. La nuova richiesta è adesso estesa anche al Ministero dell’Ambiente, all’assessore regionale all’Ambiente e all’assessore regionale alla Salute, poiché i dati di cui siamo in possesso rendono impellente un incremento dei servizi sanitari. Una presa di coscienza da parte delle istituzioni condurrebbe finalmente a un processo di bonifica del Sin piombinese, che eliminerebbe le fonti di rischio per la salute pubblica, tutelando i cittadini".

"Il territorio del Comune di Piombino è riconosciuto Sin per circa 900 ettari terrestri e 2.000 marini, è sede del secondo stabilimento siderurgico nazionale e vi insiste anche una discarica per rifiuti speciali un tempo pubblica, su cui peraltro gravano numerosi procedimenti penali ricondotti anche a un presunto traffico illecito di rifiuti pericolosi. Lo stabilimento ex Lucchini versa da anni in un preoccupante stato di abbandono ed ospita, nel proprio perimetro interno, discariche non controllate. RiMateria, società per azioni oggi in fallimento che per anni ha gestito una discarica di rifiuti speciale, ha invece disatteso prescrizioni regionali e violato le normative ambientali. - ha detto Ferrari in una nota - All’interno di questo contesto stiamo inoltre assistendo a un inesorabile quanto inaccettabile trend di depotenziamento dell’ospedale di Piombino e, più in generale, dei servizi sanitari territoriali. Lo stato di salute della popolazione, unito alla circostanza che l’ospedale in questione dista oltre 90 chilometri da quello di Livorno e 75 da quello di Grosseto, impone dunque di rivedere scelte e investimenti sanitari" .

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha diffuso un codice giallo attivo su tutta la Toscana. Possibili anche colpi di vento e grandinate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità