Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO14°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Politica lunedì 25 gennaio 2021 ore 09:36

"Coalizione attorno a un patto di opportunismo"

L'associazione A Sinistra non risparmia critiche dopo gli ultimi cambiamenti avvenuti nella coalizione di maggioranza



PIOMBINO — "Quando la politica si traveste da civismo, usa un trucco troppo leggero", così A Sinistra ha esordito commentando il gli ultimi cambiamenti avvenuti nella maggioranza consiliare.

"C’è poco da fare, - hanno aggiunto - chi ha creduto di consegnare la città ad una coalizione a trazione civica, dove i partiti contavano poco o nulla, si è ritrovato in mano alla peggior politica. Può essere questo il sintetico riassunto della ridicola vicenda che riguarda il giro di poltrone all’interno del Consiglio Comunale di Piombino. A rimetterci, ovviamente, sono quei cittadini che hanno ingenuamente portato voti ad una coalizione che era evidentemente costruita attorno ad un patto di opportunismo piuttosto che ad un progetto politico. Ecco che questa politica, tolto il travestimento, si organizza per comandare. Questo è successo, questo sta accadendo. È una lotta interna, per il potere, per spostare i rapporti di forza nella maggioranza, mentre la città langue in un oblio di idee e soluzioni. Tutte manovre per impedire al principe ereditario di prevalere, tutta roba che fa inorridire, che fa capire quanto non ci sia interesse a far rinascere Piombino. È evidente che ci sono solo pochi, brutti, inconfessabili interessi di bottega".

"É questa la politica mordi e fuggi specchio dei tempi, per niente innovativa, immagine di un degrado pervasivo a cui non bastano goffi travestimenti per celare la propria inconsistenza. - hanno aggiunto - Ci sarebbe da sorridere, se non fosse invece una questione terribilmente seria per i destini della nostra città, nel vedere questi grotteschi nuovi e instabili equilibri nei quali ben due assessori si ritrovano senza rappresentanza politica in Consiglio. Cose che in un paese normale indurrebbero chiunque a ritirarsi con dignità e decenza dal proprio scranno. C’è da interrogarsi su cosa ci sia stato di autentico in quel bizzarro progetto, di chi, solo pochi anni fa, accoglieva a braccia aperte a Piombino Nichi Vendola ed oggi siede alla destra degli epigoni locali di Giorgia Meloni. Il trasformismo è davvero il male italico per eccellenza. Non conosce declino, resiste al passare del tempo e non risparmia proprio nessuno, neanche i moralizzatori".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ai casi già noti dalla settimana scorsa, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri appartenenti allo stesso focolaio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità