QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12°13° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 05 dicembre 2019

Attualità martedì 06 dicembre 2016 ore 19:47

Stallo per Aferpi, ora Giuliani fissa i paletti

Massimo Giuliani e il presidente del consiglio comunale Angelo Trotta (foto: fermo immagine dal consiglio)

Il problema principale è quello legato ai finanziamenti. A questo punto, però, il sindaco Giuliani avanza tre richieste all'azienda



PIOMBINO — Dal consiglio monotematico dedicato alla questione Aferpi, l'amministratore delegato Fausto Azzi ha risposto con carte alla mano a quanti hanno chiesto cosa ha fatto Rebrab fino adesso. Tra le mani dell'ad ci sono pagine e pagine di documenti, planning, prospetti e piani marketing tutti volti a fornire all'aziende in primis e alle banche un quadro dettagliato del lavoro da fare.

"Dire che non c'è nulla è una cosa distorta. - ha detto Azzi nel suo intervento in risposta ha quanti hanno dubitato del lavoro di fino fatto dall'azienda alla ricerca di finanziamenti - Si sta facendo tutto il lavoro che serve". Il problema emerso, a più riprese, è quello creditizio. E L'ad di Aferpi ha tenuto a sottolinearlo che non è un alibi, ma un dato di fatto riscontrato a seguito dell'atteggiamento tenuto dalle banche nei confronti di questo progetto. A chi si domanda se Rebrab abbia ancora fiducia e voglia di investire nel progetto Aferpi, Azzi risponde che non riesce a percepire in nessun atto del numero uno dell'azienda dubbi. E il fatto che finora abbia messo 102 milioni è un punto a favore.

Dalle repliche delle associazioni e delle opposizioni politiche è emersa la delusione per questo consiglio straordinario dal momento che non è emerso nulla di nuovo sulla questione Aferpi lasciando ancora una volta la città con il fiato sospeso

Per questo tutti i consiglieri intervenuti, compreso il fronte Pd con le parole di Ettore Rosalba, hanno chiesto concretezza e tempi brevi per intravedere una volta per tutte la luce in fondo al tunnel.

A mettere dei punti fermi ci pensa il sindaco Massimo Giuliani nel suo intervento conclusivo fiume. Tre le richieste all'azienda: accorciare i tempi per la redazione del piano industriale; Rebrab deve venire a Piombino  per dialogare con l'Amministrazione; varianti e concessioni si muoveranno in base all'implementazione del progetto. A ciò si aggiunge un quarto punto, da non tralasciare la questione legata alle bonifiche ad opera di Invitalia che con le procedure attuali rischia di dilatare il tempo di liberare le aree.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Tag

Bazzano, custode di una villa spara ai ladri dalla finestra: uno muore e l'altro fugge

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità