Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PIOMBINO18°30°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 20 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Lavoro mercoledì 01 giugno 2022 ore 21:43

Jsw, i sindacati si autoconvocano in Regione

Là acciaierie di Piombino

Dal Consiglio di fabbrica: “Nel corso della riunione, la posizione della Regione non è stata chiara e ha creato nei presenti molti dubbi”



PIOMBINO — Si è riunito il Consiglio di Fabbrica Jsw, Piombino Logistics e Gsi a seguito dell’incontro al Ministero dello Sviluppo economico che non ha prodotto passi avanti per il rilancio dello stabilimento siderurgico di Piombino.

“La vertenza Piombino ha bisogno di decisioni politiche certe e mirate a difendere la strategicità del sito ma è chiaro che se la vertenza continuerà ad essere seguita solo da tecnici, il finale che si prospetta non può essere altro che drammatico. - hanno commentato le Rsu e le segreterie Fim, Fiom, Uilm, Uglm, Usb - Solo il sindacato, in tutti gli interventi fatti, ha fatto una scelta precisa, rivolgendosi a tutte le istituzioni presenti, chiedendo loro di non firmare nessun addendum che non contenesse garanzie certe degli investimenti annunciati da anni dalla proprietà. Cosi come ci è stato presentato, il business plan, o l’intento di questo, porterebbe ancora tanta, troppa cassa integrazione. Ieri, non solo abbiamo ricevuto zero certezze ma ancora tanti annunci, e nonostante richieste esplicite ripetutamente fatte, si prospetta un peggioramento all’Accordo di Programma in essere che, ad oggi, è stato rispettato solamente dai lavoratori”.

“Riteniamo inaccettabile che si metta in discussione la clausola sociale che garantisce la salvaguardia dell’intera occupazione. - hanno proseguito - Chiediamo con fermezza alle Istituzioni di non firmare nessun atto che non tuteli tutto questo. Nel corso della riunione, la posizione della Regione non è stata chiara e ha creato nei presenti molti dubbi; per questo motivo le Rsu e le Segreterie hanno deciso di autoconvocarsi presso la sede della Regione Toscana il giorno 7 Giugno per chiedere al presidente stesso di fare chiarezza”. 

“Chiediamo con forza che, alla prossima convocazione annunciata dal professore Annibaletti, al tavolo siano presenti gli esponenti politici delegati a seguire e decidere il futuro non di una sola fabbrica ma di un intero territorio. In assenza di questo, - hanno concluso - Rsu e Segreterie, metteranno in atto tutto ciò che potrà portare ad ottenere quelle decisioni sempre auspicate ma mai realizzate”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il provvedimento è stato adottato dalla sindaca di Campiglia Marittima a seguito dell’allerta meteo del Centro Funzionale Regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità