QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°17° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 14 novembre 2019

Attualità lunedì 13 marzo 2017 ore 16:58

Dalla Casa dell'Agronomo la nuova vita di Pianosa

Il progetto di restyling della villa dà il la a una serie di misure per la valorizzazione dell'isola. Per maggio una fontanella di acqua potabile



PIOMBINO — Nell'ottica della valorizzazione dei tesori culturali e ambientali che ha il nostro territorio, rientra anche il progetto che è in serbo per l'isola di Pianosa. 

L'isola dell'Arcipelago Toscano, colonia penale agricola fin dai tempi dell'Unità d'Italia e poi carcere di massima sicurezza, riscopre i suoi tesori grazie alla spinta propulsiva del Parco e un cospicuo finanziamento del Ministero dell'Ambiente. Cinquecentomila, per ora, sono gli euro messi a monte per il restauro e la valorizzazione della Casa dell'Agronomo, una delle abitazioni più suggestive dell'isola. 

Oggi Pianosa è quasi completamente disabitata se non per i detenuti in semilibertà distaccati dal penitenziario di Porto Azzurro, che si occupano di opere di manutenzione e coltivazione, e i circa 400 visitatori giornalieri che d'estate visitano le sue bellezze. Ma tanto si può ancora fare per valorizzarle.

Così la sottosegretaria al ministeri dell'Ambiente Silvia Velo ha presentato assieme a Giampiero Sammuri, presidente del Parco, al commissario del Comune di Campo nell'Elba Salvatore Parascandola, a Michele Baronti dell'Agenzia Demanio e Fabio Boschi della Soprintendenza cosa c'è in serbo per l'isola.

Raggiunto l'accordo tra Comune, Parco, Demanio e Soprintendenza, entro il mese di maggio partirà la gara di progettazione per il restyling della villa con l'intendo di arrivare a presentare la progettazione definitiva in autunno e poi avviare la gara di appalto. 

Già da maggio, invece, grazia ad Asa spa sarà possibile godere di una fontanella di acqua potabile per agevolare chi visita l'isola e sa di non poter poter gettare rifiuti. Prevista, inoltre, la messa in opera di un secondo pozzo e la realizzazione di un sistema di scarico a mare con una condotta sottomarina. 

Opere tutte volte a migliorare la fruizione dell'isola che d'estate è luogo ambito dai turisti. Quello della Casa dell'Agronomo potrebbe essere solo la prima, finanziamenti permettendo, di una serie di interventi per valorizzare Pianosa. La Soprintendenza provvederà alla mappatura del patrimonio dell'isola, tra le emergenze visibili spiccano la Caserma Bombardi di proprietà del Demanio e il Forte Teglia come sottolineato da Italia Nostra.



Tag

Dolomiti, caos e disagi per la neve

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità