Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Frecce Tricolori, il video delle spettacolari evoluzioni sulle note di «Nessun Dorma»

Attualità lunedì 02 agosto 2021 ore 09:42

Discarica, il Comitato evidenzia le criticità

"La discarica è cresciuta continuando ad essere fuori norma. Questo lo evidenziano i recenti report di Arpat che elencano le criticità dell'impianto"



PIOMBINO — Sulla situazione della discarica di Piombino parla il Comitato Salute Pubblica preoccupato per le conseguenze di una discarica abbandonata, chiedendo l'intervento della Regione Toscana.

"Abbiamo tentato in tutti i modi, per anni e anni, di fermare l’avanzamento della discarica di Ischia di Crociano che cresceva continuamente, da 9 metri a 15, poi a 24, poi ancora più su fino a 32. Cresceva la discarica continuando ad essere fuori norma, irrorando di odori acri l'ambiente circostante fino ad arrivare al quartiere di Diaccioni fino a Baratti. - hanno ricordato - Le società che si sono susseguite nella gestione della discarica non hanno adempiuto alle molteplici diffide della regione pur continuando a chiedere ampliamenti di volumi. Ed ecco che quando la regione, prima di autorizzare altri ampliamenti, pretende che la discarica venga messa a norma, i privati che la gestivano hanno deciso di dichiarare auto fallimento e abbandonare la discarica così come è sempre stata, cioè fuori norma". 

"Questo lo evidenziano i recenti report di Arpat che elencano le criticità dell'impianto. - hanno sottolineato - Le analisi dei prelievi effettuati nei pozzi di controllo nelle discariche ex Asiu ed ex Lucchini hanno evidenziato alcune anomalie le cui cause sono sia interne al corpo della discarica per la tipologia dei rifiuti conferiti, sia esterne come ad esempio la possibilità di un contatto con la falda attraverso lacerazioni del telo di fondo. Si richiede quindi , ancora una volta, un’indagine sulla integrità del telo di fondo di entrambe le discariche e di procedere all’attuazione di uno studio idrochimico e idrogelogico, in relazione alla presenza di traccianti di percolato nella falda. Con una nota 7 Luglio 2021 Arpat rileva che lo smaltimento del percolato prodotto non è effettuato con regolarità, in alcuni moduli il livello di guardia di riempimento della vasca di equalizzazione ha superato la percentuale prevista, 4 pozzi del biogas sono scollegati, le coperture temporanee non rispettano lo spessore previsto dalle normativa, che nell’area di coltivazione risultano visibili rifiuti non coperti, alcuni dei quali vengono spostati dal vento sulla sommità".

"Come si può notare, gli interventi da fare sono molteplici e costosi e richiedono tempi lunghi per la loro attuazione. Circola voce che la curatrice fallimentare abbia ricevuto offerte da altri privati che intendono acquistare la ex Rimateria. - hanno poi aggiunto dal Comitato - Noi siamo dell'avviso che l’impianto vada chiuso e messo in sicurezza per la salvaguardia della salute dei cittadini di Piombino e di tutta la Val di Cornia. Questa operazione non può essere delegata ad altre aziende private che continuerebbero a voler perseguire solo profitti, come è giusto che sia per un privato, ma che non rispetterebbero l'ambiente e i principi di salute pubblica, la storia insegna. L'unico ente che può farlo è la Regione Toscana, che una volta chiusa la discarica ed escusso le fidejussioni, - hanno concluso - per il suo post mortem, potrà garantire una volta per tutte la salute dei cittadini e la salvaguardia del nostro territorio".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un'allerta meteo con codice giallo per la costa e le isole dell’Arcipelago toscano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca